|

Home >  Attualità >  2012 >  Notizia

Capodanno blindato a Rimini

Capodanno blindato a Rimini
Sono arrivati anche i rinforzi da Senigallia. A San Marino Polizia civile e Gendarmeria hanno predisposto servizi di controllo del territorio tutta la notte.

Chiamiamolo "blindato" il capodanno di Rimini, anche se, inaugurare il 2013 in uno scenario militare non è da clima di festa. Ma il bisogno di sicurezza c'è ed ecco che scatta il piano. In giro nei punti strategici della città ci sanno più forze dell’ordine rispetto all’anno scorso. Trenta uomini sono arrivati dal reparto mobile di Senigallia in aiuto alle divise già presenti sul territorio.
Per il veglione gli agenti saranno un centinaio di agenti divisi fra Polizia di Stato, Polizia provinciale, Forestale, Capitaneria, Finanza e Vigili urbani. A disposizione anche tre imbarcazioni. Attiva dalle 23 di stasera, la sala operativa interforze provvederà a smistare chiamate e richieste di aiuto. Presidio anche in piazzale Fellini, dove i concerti di Elio e Arisa scandiranno l’arrivo della mezzanotte. Attivo il personale di Hera per togliere dalle strade bottiglie e cocci del brindisi al nuovo anno. Continuano anche i controlli contro i botti illegali. Pugno duro con i venditori di bibite abusivi che rischiano multe fino a 4mila euro.
A San Marino la polizia civile metterà in campo, 4 uomini dell'antincendio 4 infortunistica in servizio tutta la notte pattugliando il territorio san marino mobilitate. La Gendarmeria ha predisposto un servizio potenziato tarato sugli eventi che ci saranno in Repubblica.

Valentina Antonioli