|

Home >  Attualità >  2016 >  Notizia

ISS: "Alta pervasività della politica" evidenzia la Dg Caruso a fine mandato

 Bianca Caruso

E' stata una fine "anticipata e unilaterale del mio mandato". Inizia così il suo discorso di saluto il direttore generale dell'Iss Bianca Caruso dopo due anni e mezzo di lavoro. Dovrebbe prendere il suo posto Andrea Gualtieri, già direttore dell'Autorithy Sanitaria. La nomina potrebbe arrivare già dal primo Congresso di Stato. Nelle parole della dirigente un' analisi della situazione a tutto tondo che però mette al centro la "pervasività della politica nelle scelte dell'Istituto". La Caruso in questa analisi inserisce anche "sindacati e gruppi di potere che intervengono direttamente e pesantemente". Il Dg spiega che "non sono mancate strumentalizzazioni su ogni decisione importante del Comitato esecutivo", un esempio la riorganizzazione della medicina territoriale "secondo il Chronic Care model - spiega- modello ormai adottato da tutto il mondo, attraverso i centri della salute ove peraltro sono raddoppiate le visite e triplicate quelle domiciliari a fronte di una protesta mediatica a tratti assordante".
Un altro problema segnalato è quello della "difficile reperibilità dei dati" considerata una carenza molto seria. Un grazie è andato al personale amministrativo, per i direttori di unità operativa invece l'invito a "fare più comunità ospedaliera e non una guerra per bande". Restano i problemi strutturali, quelli legati agli spazi, come resta aperta la questione delle sale operatorie finita in tribunale. L'ultimo appello della Caruso è quello di tenere in vita la "rete sanitaria" e i rapporti con l'esterno dell'Istituto. Il suo testamento: "Lascio un Iss migliore di quello che ho trovato- evidenzia- sia nella struttura organizzativa interna che nella reputazione al di fuori di San Marino".  Clicca qui per l'intervista a Bianca Caruso, DG ISS.

VA