|

Home >  Attualità >  2017 >  Notizia

Commissione Contrattazione, presidente Bugli: "Faremo ripartire tutto l'impianto della legge"

Ospedale di Stato
Alessandro Bugli nominato presidente, dopo il vuoto dalle dimissioni del 3 aprile della omologa Calafà, che ha bloccato le procedure.

La nomina è arrivata la scorsa settimana per Alessandro Bugli presidente del Comitato Garante per la Contrattazione Collettiva istituito con la nuova legge sulla rappresentatività di maggio del 2016. C'è stato però un vuoto, dalle dimissioni del 3 aprile della presidente Calafà che ha bloccato le procedure. Non sono stati infatti forniti all'Iss i numeri degli iscritti ai sindacati della Csu per il 2016 nonostante siano stati regolarmente consegnati come richiesto della Commissione.
Lo certifica la ricevuta rilasciata alla Csu il 30 marzo 2017 che fa sapere che il numero degli iscritti al 31 dicembre del 2016 alla Csdl è di 3.708 lavoratori, per la Cdls sono 2.967 per un totale di 6.675 iscritti complessivi.
“Cercheremo di far partire tutto l'impianto della legge. Gli strumenti ci sono tutti – ha detto Bugli – un esempio è l'organo di controllo previsto dalla legge e poi c'è anche il tema della contrattazione collettiva”.
“Il 30 marzo 2017 noi abbiamo inviato l'elenco dei nostri iscritti con i requisiti di legge (1.580) al Comitato, ma abbiamo fornito anche all'Iss i numeri della nostra base associativa che conta 2.315 persone” ha detto Francesco Biordi Segretario Usl “ Aspettiamo il nuovo regolamento attuativo e chiederemo al Comitato di prevedere l'invio della copia della delega firmata dal lavoratore per certificare l'appartenenza a una confederazione”.
Il neo presidente Bugli commenta che “Non ci sono state inadempienze”. Nel frattempo, non avendo avuto i dati, l'Iss prudentemente ha versato ogni mese gli acconti trattenendo una quota, per un importo complessivo che è di oltre 1 milione 900mila euro.
Dal totale l'Iss non ha versato ai sindacati circa 140mila euro in attesa della comunicazione ufficiale. Da questa cifra vanno tolti 20mila euro per le spese di gestione in capo ad Iss e CisCoop.

VA