|

Home >  Attualità >  2017 >  Notizia

Bilancio di fine anno: più furti scoperti e meno delitti

Giuseppe Sportelli
Nel 2017 arrestate 585 persone dai Carabinieri. Dalla conferenza di fine anno del Comando Provinciale di Rimini emerge un quadro con un calo complessivo dei delitti denunciati, ma ad aumentare sono le rapine e il traffico di sostanze stupefacenti. 

Più reati scoperti, meno delitti e oltre 160 kg di sostanze stupefacenti sequestrate: ecco i risultati registrati in questo 2017 dai Carabinieri di Rimini.
Un anno che si conclude con un bilancio tutto sommato positivo, emerge dalla conferenza di fine anno del Comando Provinciale. Si registra un calo complessivo dei delitti denunciati dai cittadini che passano dagli oltre 18.300 a 17.900, trend che continua a calare negli anni.
In aumento, invece, gli arresti con 585 persone fermate in flagranza di reato, oltre 80 in più rispetto al 2016.
Reati predatori in diminuzione – evidenziano – con un sensibile calo del 5%.
Segno positivo anche nella voce furti scoperti che salgono del 13%.
Di contro si è assistito, rispetto allo scorso anno, a un aumento di 15 rapine e 10 estorsioni.
Sono raddoppiati, invece, gli arresti per traffico di sostanze stupefacenti. La sola operazione "Free Park" svolta all'interno del Parco Cervi ha portato al risultato di 18 arresti e al sequestro di 700 grammi di marijuana e 300 di eroina.
Continua l'impegno nel sociale con l'aumento di attività congiunte con associazioni e di carattere preventivo nelle scuole.
Non solo, ma anche nei confronti di donne vittime di soprusi: dai dati statistici si registra una crescita del 16% dei casi denuciati.
Un ulteriore passo in avanti è stato fatto nell'attività preventiva delle truffe ai danni degli anziani con l'istituzione di una serie di incontri informativi: l'impegno si è tradotto in un calo del 18% degli episodi di truffa consumati.

Nel video l'intervista al Comandante Provinciale dei Carabinieri di Rimini, Giuseppe Sportelli

Silvia Sacchi