|

Home >  Attualità >  2018 >  Notizia

Ucraina: allarme morbillo

Victoria Polishchuk
"Alcune regioni del Paese, compresa la capitale Kiev, alle prese con una epidemia"

"Il numero di pazienti affetti da morbillo è notevolmente aumentato in Ucraina. La regione più colpita è Odessa. Lì, a dicembre, i funzionari hanno deciso di non consentire ai bambini non vaccinati di frequentare scuole e asili. Tale divieto vige adesso nella capitale. Vorrei far notare che l'epidemia non è stata ancora annunciata.

A Kiev già 74 persone si sono ammalate ed è solo l'inizio di gennaio. Dati forniti dal Centro di salute pubblica del Ministero della Salute. Mentre si trovavano in un ospedale per malattie infettive, i pazienti hanno realizzato di aver visitato in giornate diverse il circo "Kobzov" a Kiev. A onor del vero, l'amministrazione del circo non ha mai commentato se qualcuno del team avesse sofferto di morbillo. La diffusione dell'infezione si acuisce in qualsiasi raduno di persone. La mancanza di vaccinazione e la debole immunità, secondo i medici, restano tra le principali cause della malattia. La maggior parte dei pazienti non si è mai sottoposto a vaccino o non ha mai fatto un richiamo. Le epidemie di morbillo, così come molti altri virus, si verificano ciclicamente. Solitamente ogni 5-6 anni. L'ultimo 'flash' in Ucraina è stato nel 2012.

Oltre all'Ucraina, negli ultimi 20 anni, il morbillo ha colpito su larga scala nei Paesi Bassi, in Irlanda e in Romania. I medici hanno monitorato proprio la situazione in Romania, dove ultimamente l'infezione si è diffusa. Che arrivasse nel nostro Paese - dice la Polishchuk - era solo una questione di tempo".

Victoria Polishchuk