|

Home >  Attualità >  2019 >  Notizia

Rifiuti: si alza la protesta contro nuovo accordo con San Marino. Bertani: "In arrivo 62mila tonnellate, il 13% in più rispetto al 2018"

Il grillino Andrea Bertani, membro dell'Assemblea Legislativa dell'Emilia Romagna, punta il dito contro il Presidente della Regione Bonaccini a poche ore dal via libera in Commissione Bilancio al nuovo accordo per la gestione dei rifiuti provenienti proprio dal Titano.

Secondo le previsioni, nel 2019 arriveranno in Italia 62mila tonnellate di rifiuti da San Marino, il 13% in più rispetto al 2018. Di questi almeno 13mila finiranno nell’inceneritore di Coriano. Una ennesima proroga dell'accordo che, per Bertani, di fatto azzererà gli sforzi dei cittadini del Riminese. San Marino - accusa ancora Bertani - ha sempre dichiarato negli anni di arrivare ad una raccolta differenziata pari al 50% entro il 2015 e del 70% entro il 2020. Obiettivo che però resta ancora un miraggio visto che oggi la quota di differenziata si attesta ancora attorno al 40%”.

“Visto che lo scorso anno Bonaccini inondò i giornali, le tv e i social network di comunicati stampa su fantomatici rifiuti di Roma poi mai arrivati, adesso - conclude Bertani - ci aspettiamo almeno qualche amichevole paternale agli amministratori di San Marino sull’incapacità di gestire e ridurre i propri rifiuti".