|

Home >  Comunicati  >  2018 >  Notizia

FEDERAZIONE PENSIONATI CDLS: VOGLIONO METTERE A TACERE IL SINDACATO CON LE CALUNNIE

“E’ un tentativo costruito ad arte per mettere a tacere il sindacato unitario. Piena solidarietà a tutti i dirigenti sindacali vittime delle calunnie contenute in una lettera anonima”. La segreteria della Federazione Nazionale Pensionati della CDLS questa mattina ha voluto esprimere sostegno e vicinanza ai vertici della Confederazione Democratica e insieme esprimere “profonda amarezza e indignazione di fronte a questo tentativo di screditare le forze sociali con metodi di stampo mafioso”.

Un evidente tentativo, sottolinea la FNPS-CDLS, “orchestrato ad arte per mettere a tacere le confederazioni sindacali in una congiuntura economico-sociale difficilissima”.

“La forte domanda di verità sui fondi pensioni, sul sistema bancario e sulle gestione degli Npl alla base dello sciopero generale del maggio scorso - continua la segreteria della Federpensionati - deve avere urtato gli interessi e la suscettibilità di poteri economici tanto occulti quanto forti, al punto da innescare il vergognoso attacco intimidatorio a CDLS e CSdL”.

I pensionati della Confederazione Democratica nell’esprimere “piena solidarietà a tutti i dirigenti sindacali vittime delle calunnie contenute nella lettera anonima e certi della loro assoluta onorabilità”, manifestano anche “pieno sostegno alla battaglie di trasparenza ed equità messe in campo in questi mesi dalla CSU”.

In chiusura si dicono “amareggiati” e “sorpresi” di fronte al fatto che il Governo “non abbia immediatamente avvisato le confederazioni sindacali di questa missiva diffamatoria”.