|

Home >  Cronaca >  2016 >  Notizia

Rimini: furto in gioielleria, arrestati due pugliesi traditi dalle impronte

Cc Riccione
I carabinieri della compagnia di Riccione hanno arrestato due uomini originari di San Severo (Foggia), ritenuti responsabili del furto messo a segno la sera del 7 settembre in una gioielleria di Cattolica

Da un'impronta digitale rinvenuta dietro al bancone e altre tracce inviate ai Ris di Parma, i carabinieri di Riccione hanno trovato i responsabili del colpo da 200mila euro nella gioielleria di Cattolica del 7 settembre. Sono un 26enne originario della provincia di Foggia, già noto alle forze dell'ordine per furti di preziosi. Da lui i carabinieri hanno individuato anche il complice, un 23enne anche lui pugliese. I due erano stati fermati nei giorni precedenti al furto per un controllo.

A ulteriore conferma della loro presenza a Cattolica la sera del colpo, il fatto che i loro cellulari sono stati registrati nella cella vicina al negozio. Le indagini hanno poi permesso di ricostruire la nottata: prima di svaligiare la gioielleria, i ladri erano entrati nella casa della titolare e le avevano rubato una borsa con le chiavi e i codici per disinnescare gli allarmi. Dopo aver rubato un'auto erano andati al negozio erano quindi riusciti a entrare senza alcun problema, agendo indisturbati tutta la notte. Sono stati arrestati uno a San Severo e l'altro a Eboli (Salerno), con l'accusa di furto pluriaggravato. Nel video l'intervista a Marco Califano, Capitano Carabinieri Riccione.

VA