|

Home >  Cronaca >  2018 >  Notizia

Madre e figlio a processo per riciclaggio

Tribunale di San Marino
Il figlio è accusato anche di fatture false e appropriazione indebita. Rigettata istanza per prescrizione processuale. Sentenza attesa a fine aprile

Prima udienza per il processo che ruota attorno all'attività della società Unid srl. L'amministratore è sotto accusa per false fatture, appropriazione indebita e – con sua madre - anche per riciclaggio.

Il Commissario della Legge Gilberto Felici, in avvio di processo, ha rigettato l'istanza con cui la difesa degli imputati – rappresentata in aula dagli avvocati Filippo Cocco e Lara Conti – aveva chiesto la prescrizione processuale, per superamento dei termini massimi dell'istruttoria. A seguire è stato sentito l'ispettore della Polizia Civile Paolo Francioni che ha confermato la relazione già depositata agli atti, precisando che l'impulso iniziale alle indagini è stato dato dall'Ufficio di Controllo e Vigilanza sulle Attività Economiche. Francioni ha inoltre confermato che la Unid srl – società nel settore dei corsi e dei testi scolastici - svolgeva effettivamente quell'attività. Il processo dovrà accertare quindi se l'amministratore Gian Luca Di Muro abbia messo in atto le condotte contestate in istruttoria e cioè l'emissione di fatture false, l'appropriazione indebita di circa 300mila euro – già posti sotto sequestro - e il riciclaggio di denaro di cui è accusata anche sua madre Rosa D'Agnelli. Nella prossima udienza, probabilmente a fine aprile, saranno sentiti altri testimoni e il Giudice pronuncerà il verdetto di primo grado.

l.s.