|

Home >  Cronaca >  2019 >  Notizia

Daniele Guidi: Procura del Fisco non ha impugnato ordinanza Brunelli su revoca domiciliari

Il tribunale sammarinese
Oggi, intanto, davanti al Commissario della Legge Battaglino, la prima udienza di un processo per riciclaggio.

Non vi sarà alcun giudizio di terza istanza, sulla revoca degli arresti domiciliari a Daniele Guidi. Il termine entro il quale la Procura del Fisco poteva impugnare l'ordinanza del Giudice per le Appellazioni, è scaduto infatti lunedì, senza alcuna opposizione. Nuovo punto a favore, dunque, per i legali dell'ex AD di Banca CIS; in attesa dell'11 marzo: deadline per l'impugnazione dell'ordinanza di David Brunelli che aveva annullato invece le perquisizioni ed i sequestri. Le due decisioni del Giudice per le Appellazioni – tra le altre cose – avevano pesantemente messo in dubbio la solidità dell'impianto accusatorio del Commissario della Legge Morsiani, nei cui confronti, il collegio difensivo di Guidi, ha già da tempo depositato istanza di ricusazione. A decidere sarà il Giudice per i Rimedi Straordinari Vitaliano Esposito. Oggi, intanto, prima udienza del processo per riciclaggio contro il romano Marco Scaringella, accusato di aver occultato – su conti correnti presso una banca sammarinese – fondi di provenienza illecita poiché ritenuti derivanti da reati contro il patrimonio, di falso ed associazione a delinquere. La somma complessiva trasferita in Repubblica è cospicua: quasi mezzo milione di euro; gran parte dei quali posti sotto sequestro; tranne 50.000 euro circa, in precedenza trasferiti, con un bonifico, presso un istituto di credito australiano. Non eseguite, invece, altre 2 operazioni richieste da Scaringella: l'erogazione di un affidamento di 500.000 euro in favore di una società il cui socio unico era il cognato dell'imputato, ed il trasferimento di 250.000 euro ad una “società off-shore di Dubai”. Il Commissario della Legge Battaglino ha ammesso l'audizione di 3 testimoni della Difesa. Prossima udienza il 28 marzo.