|

Home >  Economia >  2017 >  Notizia

Ius: i commercianti chiedono una pausa di riflessione

Andreina Bartolini
Incontri fra i direttivi di Usc, Osla e Usot per decidere sul futuro dell'organizzazione

L'ultimo comunicato congiunto risale ai primi di settembre, con Ius contro la sponsorizzazione del moto gp. Nell'occasione nessun contrasto: usc, usot e osla chiedevano al Governo di fermarsi. Dopo circa un mese qualcosa è cambiato. L'Usc ha chiesto di sospendere qualsiasi iniziativa. Una pausa di riflessione forse salutare ma che evidenzia qualche crepa. Si lavora per decidere che strada intraprendere, sono giorni di incontri fra i direttivi delle tre associazioni. Il presidente Usc conferma: “vogliamo capire dove e se possiamo trovare punti d'incontro”. Del resto che ci fossero visioni differenti non è una novità, recentemente Usot ha parlato di condivisione con il Governo sulle politiche turistiche. “E comunque – ammette Andreina Bartolini - siamo anime diverse. C'è chi la vede in un modo e chi in un altro”. D'altra parte Ius nasce proprio per permettere alle categorie di parlare con un'unica voce, aumentandone la forza “contrattuale”. Fino ad oggi lo ha fatto senza avere alle spalle un'organizzazione strutturata. C'è chi vorrebbe passare alla fase operativa, dandosi una forma più compiuta. “E' un confronto sereno”– precisa il Presidente Usc. “Ci siamo presi una pausa di riflessione, come nelle coppie”. Si rischia il divorzio? “Per ora stiamo ragionando. “Poi – dice – si vedrà”. Dunque non è escluso, anche se Bartolini è fiduciosa: “se c'è la volontà – aggiunge - si può andare avanti. Ci stiamo confrontando per fissare obiettivi comuni, se ci sono ancora.”La priorità rimane il paese “che non deve fermarsi”. L'obiettivo comune è tenere alta l'attenzione su commercio e turismo. “E' importante fare squadra – conclude - per ridare fiducia al comparto.”Lo Ius sta lavorando ad una nota condivisa. Arriverà nelle prossime ore.

MF