|

Home >  Politica >  2003 >  Notizia

Segreteria di Stato per il Turismo: è tempo di bilanci

Il 2003 si chiude all’insegna dello sviluppo e di un notevole lavoro svolto, cedendo il passo ad un 2004 che si annuncia intenso di impegni ed appuntamenti. Così, il Segretario di Stato per il Turismo, Commercio e Sport, Paride Andreoli commenta l’attività portata avanti negli ultimi 12 mesi, tracciando un primo bilancio dei risultati raggiunti, grazie anche allo stanziamento di 500 mila euro destinati dalla Finanziaria 2003 al potenziamento del settore commercio, comparto strettamente legato a quello turistico. Nell’ambito del Convegno “Verso una nuova visione del turismo a San Marino” del 7 aprile scorso, è stato infatti presentato il piano strategico di marketing per il turismo 2003-2006. Un piano che prevede il progetto Tourist Information che permette di valutare richieste, proposte ed esigenze dei visitatori. A questo si aggiunge l’impegno dello Stato per la riqualificazione del centro storico attraverso la stesura di un nuovo piano di arredo urbano ed architettonico. Per essere competitivi - aggiunge Andreoli – è necessario mettere a disposizione del turista mezzi di comunicazione veloci, quindi on-line. A luglio è nato il portale internet www . visitsanmarino.com, strumento in grado di inserire la Repubblica al pari degli altri Stati nella promozione turistica telematica. Da non sottovalutare, inoltre, gli ottimi rapporti che legano l’Italia e il Titano con la firma entro breve di un accordo di collaborazione nel settore del turismo. Una sinergia sfociata nell’assegnazione congiunta della 42-esima Sessione della Commissione Europea dell’Organizzazione Mondiale del Turismo che si terrà nel maggio prossimo a Rimini e San Marino. Infine, come non ricordare l’importanza del binomio turismo-sport. San Marino Cup, Summer Green, Milan Camp, gli Internazionali di tennis e le partite di calcio della Nazionale, sono solo alcuni degli eventi sportivi di grande richiamo in grado di incentivare la presenza di visitatori in Repubblica.