|

Home >  Politica >  2017 >  Notizia

Segreteria Esteri, il punto sugli incontri bilaterali

Mammad Bahaddin Ahmadzada e Nicola Renzi
La cerimonia di insediamento dei Capitani Reggenti, Matteo Fiorini ed Enico Carattoni, come occasione di incontri bilaterali proficui nell'ottica di un rafforzamento delle relazioni e delle collaborazioni in atto.

Erano oltre 60 tra consoli e ambasciatori presenti a San Marino per la cerimonia del 1 ottobre. L'omaggio alla Reggenza, ma insieme, l'occasione per intensificare relazioni e collaborazioni. Investimenti ed economia, cultura e turismo, sono tanti gli ambiti di dialogo, insieme alla opportunità di presentare la strategia di internazionalizzazione che il Governo sta attuando, anche attraverso l'attivazione di progetti come l'Agenzia per lo Sviluppo e lo Sportello Unico per le imprese. La segreteria agli Esteri fa il punto, ricordando gli incontri che il segretario agli Esteri Nicola Renzi ha tenuto già dalla vigilia del 1 ottobre. Il quadro politico ed economico con i passi compiuti nella trasparenza del settore bancario al centro del colloquio con il console USA Wholauer con la richiesta di un accordo nel campo della social security. Opportunità di investimenti al vaglio, anche alla presenza del segretario Zafferani, con l'ambasciatore del Qatar, Abdulaziz Ahmed A Almalki, disponibile a trasmettere - a breve - ipotesi di progetto in ambito turistico, finanziario e tecnologico. Nel centenario dell'indipendenza della Finlandia, l'ambasciatore Janne Taalas conferma la volontà di collaborazione, con uno sguardo particolare all'alta tecnologia.
Altri incontri bilaterali nella giornata di ieri: discussa la necessità di una intesa tra Banche Centrali per l'attrazione degli investimenti, sia in infrastrutture sia in ambito finanziario, nel colloquio con l'Ambasciatore di Azebaijan, Mammad Bahaddin Ahmadzada. Tema discusso anche con l'ambasciatore di Romania, George Bologan, che ha assicurato appoggio al percorso negoziale della Repubblica verso una maggiore integrazione europea. Incontri, ancora, con il consigliere politico britannico, Wendy Wyler, verso nuovi accordi bilaterali in ragione della Brexit.