|

Home >  Politica >  2018 >  Notizia

Elezioni, a fianco di Paolo Gentiloni si schiera anche l'ex presidente Napolitano

Giorgio Napolitano
C'è chi è pronto a scommettere sulle larghe intese. Clima di tensione anche in vista delle manifestazioni di sabato a Roma e a Milano

Il prossimo sarà un sabato di manifestazioni in vista delle elezioni in Italia: la Lega a Milano, gli antifascisti a Roma. Intanto anche l'ex presidente della Repubblica Napolitano si schiera in favore di Gentiloni.

L'ultima voce che si è levata in favore di Paolo Gentiloni come futuro capo del governo è quella di Giorgio Napolitano. Lo ha definito “un asset del nostro Paese, un punto essenziale di riferimento e non solo nel breve periodo”. Larghe intese dunque? Il segretario del Pd Matteo Renzi giura di no, e da' ragione a Silvio Berlusconi “quando dice che è inutile pensare a larghe intese fra loro e noi”. Secondo la presidente della Camera Laura Boldrini le larghe intese sarebbero invece vicine, “ma sarebbe un messaggio devastante – sostiene – come a dire sono tutti uguali”. Intanto ci si prepara ad un sabato di manifestazioni, a Milano la Lega organizza “Ora o mai più”, definita la contro manifestazione rispetto a quella di Roma, “Mai più fascismo”, contro razzismo e xenofobia, con 20mila persone previste e che vedrà in piazza anche Pd e Anpi, che avevano disertato quella di Macerata. Nella stessa giornata a Roma si ritroveranno anche i no vax a San Giovanni, gli antagonisti a Ponte Galeria e i no job's act all'Esquilino.
Il clima non è dei migliori, dopo l'aggressione a Forza Nuova a Palermo, e un accoltellamento a Perugia di un militante di Potere al Popolo. Questi ultimi dichiarano di essere comparsi sulla scena politica per evidente mancanza di vere forze di sinistra.

Francesca Biliotti

Nel video l'intervista a Viola Carofalo, Potere al Popolo