|

Home >  Politica >  2018 >  Notizia

Adesso.sm replica: "si è passati alla spallata giudiziaria"

Adesso.sm

Tramontata in gran parte la preannunciata catastrofe bancaria si è passati alla spallata giudiziaria. Così Adesso.sm commenta le dichiarazioni della minoranza premettendo che l'organo di controllo di Fondiss ha ribadito con estrema puntualità che il deposito dei fondi del secondo pilastro non è stato toccato, nonostante l’opposizione si ostini a sostenere il contrario entrando nel merito della qualità dei titoli acquistati da Banca Centrale ingerendo nel ruolo del magistrato inquirente.  La maggioranza ricorda membri della Commissione Giustizia che ascoltati dal magistrato dirigente su fatti di cui lo stesso tribunale non ha ritenuto indagare, corrono in gendarmeria a denunciare gli altri loro colleghi della Commissione Giustizia. Tentativi di impedire ai magistrati di discutere questioni che li riguardano direttamente, cercando di tenere nascosti nei cassetti documenti contenenti gravi affermazioni che andavano chiarite. A questo fine, sottolinea la nota, ci si è perfino inventato un colpo di stato ridicolo,  senza alcuna preoccupazione per l’immagine del nostro Paese. Ci sono state, prosegue, dimissioni roboanti in conseguenza a fatti “gravissimi”, salvo vedere rimangiarsi tutto poche settimane dopo e attacchi a magistrati secondo logiche distorte di schieramento politico. Abbiamo visto imbastire processi pubblici attorno alla vicenda dei titoli intermediati da Banca Centrale, rimarca la maggioranza, senza alcun riguardo per il procedimento giudiziario in corso. Il confronto politico può essere anche aspro, conclude la nota, ma senza la legittimazione reciproca e la chiara tutela dell’interesse generale del Paese, il risultato non può che arrecare un danno per i sammarinesi e per il futuro di tutti.