|

Home >  Politica >  2018 >  Notizia

Elezioni Politiche Italiane: 9.846 agli aventi diritto al voto residenti a San Marino

Schede elettorali
Amadei, Vice-presidente Comites: "Elettori esteri trascurati". Domani alle 16 scade il termine consegnare i plichi

Per gli italiani residenti a San Marino domani alle 16 scadono i termini per far pervenire all'Ambasciata il plico con l'espressione di voto. Il Comites, intanto, comunica i numeri precisi sugli aventi diritto e anche curiosità sulle elezioni del 2013 quando l'affluenza, riferita agli italiani residenti a San Marino, è stata altissima.


Sono 9.846 gli elettori italiani residenti a San Marino. Per la Camera dei Deputati hanno tutti diritto al voto, mentre per il Senato votano solo gli elettori con piu' di 25 anni che ammontano a 8.729.
I dati ci sono stati riferiti dal Comites che ha potuto verificare anche i numeri delle ultime elezioni del 2013 quando l'affluenza al voto degli italiani residenti a San Marino, che hanno votato per corrispondenza, è stata del 75%, omogenea quindi al dato dell'affluenza degli interni e di molto superiore invece all'affluenza media dei residenti all'estero che si è attestata al 32%.
Nel 2013 i votanti italiani residenti sul Titano furono 6.426 alla Camera e 5.823 al Senato e – secondo i dati forniti dal Vice-Presidente Comites Alessandro Amadei –, alla Camera, accordarono il 36,38% al Movimento 5 Stelle, il 26,72% al Pd, il 16,49% al Pdl e l'11,74% a “Con Monti per l'Italia”. Lievissime le differenze con il Senato. Il M5 Stelle dunque, cinque anni fa, è stato il piu' votato.
Qualunque sarà l'esito del voto del 4 marzo il Vice-Presidente del Comites Alessandro Amadei auspica maggiore attenzione per gli elettori esteri che ritiene, per certi versi, trascurati. “I consolati – fa sapere – hanno subito dei tagli ai finanziamenti che hanno comportato la riduzione dei servizi a favore degli italiani residenti all'estero e dei tagli ai fondi  destinati  alla promozione della cultura e della lingua italiana. Gli esteri – prosegue – devono pagare l'Imu sulla prima casa in Italia, mentre i  residenti sono esenti. Inoltre è stata introdotta una tassa sulla cittadinanza di 300 euro che deve pagare chiunque presenti al consolato un'istanza o dichiarazione di elezione, di acquisto, riacquisto, concessione o rinuncia  della cittadinanza, come è successo a tanti che l'hanno dovuto fare per ottenere la naturalizzazione sammarinese”. Infine un ultimo appello per gli elettori ritardatari: inutile, ormai, spedire il plico. Bisogna portarlo direttamente all'ambasciata e lasciarlo dentro la buchetta entro le 16 di domani.

l.s.