|

Home >  Politica >  2018 >  Notizia

San Marino accoglie il nuovo Ambasciatore Usa con una "cerimonia mozzafiato"

Lewis Eisenberg
Ovvio l'avvio del mandato di Lewis Eisenberg. Sono oltre 3000 i cittadini di origine sammarinese che risiedono negli Stati Uniti.

Era il 1861 quando il presidente Abramo Lincoln divenne cittadino onorario di San Marino. Un legame, quello tra i due popoli, celebrato oggi con la visita dell'ambasciatore Lewis Eisenberg. Esperto di finanza, filantropo, investitore, è stato nominato dal presidente Trump lo scorso luglio. In mattinata è stato accolto dal segretario di Stato agli Esteri, Nicola Renzi , a Palazzo Begni.

Un colloquio durante il quale il diplomatico – fa sapere la Segreteria – ha espresso apprezzamento per le politiche economiche e sociali intraprese in Repubblica. Nel primo pomeriggio il passaggio fondamentale per l'accreditamento, a Palazzo Pubblico, in una cerimonia che lo stesso Eisenberg ha definito "mozzafiato".

Nella sala consiliare la consegna alla Reggenza delle lettere credenziali che accreditano Eisenberg come ambasciatore. Il responsabile degli Esteri, Renzi, nel suo discorso ha parlato della collaborazione tra le due nazioni su temi come la lotta al terrorismo, ma anche degli accordi in campo sanitario e fiscale su cui si sta lavorando.

Una questione, quest'ultima, oggetto delle istanze di una parte degli americani a San Marino che chiedono doveri fiscali legati non alla loro cittadinanza ma alla residenza.

Prima di tornare al Begni, Eisenberg si è fermato sotto al busto di Lincoln. Poi l'incontro con Massimo Ghiotti, direttore della Camera di commercio, che ha illustrato i vantaggi, per le imprese Usa, di investire a San Marino.

L'accreditamento avviene a pochi giorni dall'annuncio di una possibile tregua sul nucleare in Corea con l'incontro, in primavera, tra Donald Trump e Kim Jong-un. Ma dall'altro lato, le critiche internazionali all'amministrazione americana dopo l'annuncio di dazi sull'import di acciaio e alluminio.

Mauro Torresi
Nel servizio, l'intervista all'ambasciatore Usa presso San Marino, Lewis Eisenberg