|

Home >  Politica >  2018 >  Notizia

Bilancio dello Stato: il disavanzo cresce di oltre otto milioni. Previsti ulteriori versamenti a Carisp

Palazzo Pubblico
La variazione al bilancio di previsione dello Stato per l'esercizio finanziario 2018 in prima lettura nel Consiglio di luglio.

Una cosa salta subito all'occhio: il disavanzo per l'esercizio 2018 aumenta di oltre otto milioni. Previsto inizialmente in circa due milioni e novecento mila euro, passa infatti a quasi undici milioni e sei. In chiusura del bilancio consuntivo si dovranno rivalutare – si legge nella relazione al progetto di legge – tutte le voci per aumentare le entrate e ridurre le uscite. Dunque il Governo rimane fermo nell'obiettivo dell'equilibrio di bilancio. Si guarda anche al rafforzamento del sistema bancario. Ulteriori 8 milioni e 300.000 verranno versati a Carisp per il completamento della copertura della perdita dell'esercizio 2017.

Sempre in tema banche, il credito d'imposta già concesso in capo a Banca del Titano potrà essere utilizzato fino a suo esaurimento, “stante – si legge - l'oggettiva difficoltà di utilizzo nel periodo congiunturale precedentemente stabilito”. Si consente anche la proroga del termine per la comunicazione delle informazioni sulla titolarità effettiva delle persone giuridiche e trust al 15 ottobre 2018, così come richiesto da parti economiche e sociali.

Un articolo riguarda invece la partecipazione all'esposizione universale di Dubai 2020 per cui verranno stanziati 100.000 euro. Fronte sviluppo, per incentivare gli investimenti per l'ampliamento e l'insediamento di attività produttive in fabbricati esistenti di rilevante valore, si riduce l'imposta di registro sul valore eccedente i 4 milioni di euro.

In chiusura di relazione si sottolinea che il progetto di legge potrebbe essere integrato, in occasione della seconda lettura, con provvedimenti finalizzati al reperimento di risorse finanziarie per far fronte al fabbisogno di liquidità dello Stato. Potrebbe riferirsi all'emissione di buoni del tesoro da collocare sul mercato sammarinese. Rimane sul tavolo l'opzione di una possibile assistenza finanziaria del Fondo Monetario. “Prematuro parlarne” aveva dichiarato Celli a fine giugno. Nel frattempo pare sia in corso una visita riservata di una commissione tecnica del Fondo. Starebbe incontrando ambienti finanziari.

MF