|

Home >  Politica >  2018 >  Notizia

Consiglio: il saluto dei Capitani Reggenti

I Capitani Reggenti

In un semestre “particolarmente intenso”, in cui non sono mancati scontri feroci, i Capitani Reggenti Stefano Palmieri e Matteo Ciacci, nel loro indirizzo di saluto, sperano in un clima di confronto aperto e costruttivo e di fattiva collaborazione, come avvenuto, ricordano, durante la stesura del nuovo regolamento consiliare.
Spiegano di essersi adoperati per far sempre prevalere senso dell’equilibrio e ragioni di un confronto rispettoso, "che mai deve travalicare il rispetto delle Istituzioni e delle persone".
Ricordano i momenti più significativi del loro mandato, a partire dalla visita alle più importanti realtà del tessuto economico- produttivo, sociale e occupazionale del territorio, in un momento di difficoltà e di preoccupazione per gli interventi necessari per mettere in sicurezza il Paese.
Hanno testimoniato loro vicinanza, fiducia e la profonda convinzione “che serva il contributo e il sostegno di tutti per costruire un nuovo modello di sviluppo, basato sulle solide fondamenta della trasparenza, dell’equità e della valorizzazione delle nostre più autentiche vocazioni e peculiarità”.
Ai giovani hanno dedicato un’attenzione particolare, per fare crescere in loro attaccamento alla Repubblica e alle sue Istituzioni, nella costruzione di quel futuro di cui saranno protagonisti. “Il grande potenziale riposto nelle giovani generazioni – dicono i Capitani Reggenti - deve rafforzare il nostro impegno per valorizzarne capacità e competenze e stimolare in loro la volontà di porre al servizio della nostra comunità professionalità e energie”. Ricordano poi il prezioso lavoro delle associazioni di volontariato e il profondo segno lasciato anche in terre lontane come Terra Santa, Malawi, Zambia. Non dimenticano i concittadini all'estero, incontrati nel corso delle loro visite alle comunità di New York e Detroit ed esprimono viva soddisfazione per le visite in Repubblica del Presidente dell' Albania e del Ministro degli Affari Esteri Enzo Moavero "che conferma un clima di sincera e proficua collaborazione che può preludere a ulteriori momenti di consolidamento e di sviluppo nelle relazioni privilegiate con la vicina e amica Repubblica Italiana”. Infine, il più sentito auspicio “affinché preoccupazione per il bene comune, fedeltà alla Repubblica e grande senso di responsabilità siano per tutti guida per affrontare le delicate e complesse sfide cui siamo chiamati”.

MF

Il Saluto Integrale