|

Programmi >  Intrattenimento >  Alle radici della civiltà

Alle radici della civiltà

Intorno all'anno le Marche le nascenti istituzioni religiose ed ecclesiastiche sono il motore del rinnovamento, tra ciò che resta dell'impero romano e ciò che si salva dalle invasioni barbariche:
la Vera forza emergente che si contrappone a ciò che resta dell'impero romano ormai in dissolvimento e la furia devastante delle invasioni barbariche è il Monachesimo, uno dei pilastri più importanti nel processo di formazione della civiltà occidentale.
Le Marche con le sue molteplici presenze spirituali che segnano il territorio sono un vero e proprio laboratorio, che cambierà la faccia dell'Europa e porterà alla rinascita della cultura e della società.



Chiesa di Santa Maria di Portonovo

Alle radici della civiltà - Chiesa di Santa Maria di Portonovo

Promontorio del Conero.
Seguendo una strada che porta al mare a traversa il parco regionale, si arriva alla chiesa di Santa Maria di Portonovo.
Costruita un calcare bianco, la pietra locale, da tempo immemore sovrasta la scogliera e domina il mare sottostante.
Da 1000 anni questo gioiello romanico racconta la sua storia e quella di un'epoca che ha regalato al mondo chiese e abbazie costruite nelle Marche dopo l'anno mille.

Abbazia di San Vittore alle Chiuse

Alle radici della civiltà - Abbazia di San Vittore alle Chiuse

Un anfiteatro di montagne a pochi metri dalla gola di Frasassi. un'abbazia imponente ma armoniosamente inserita nei colori delle rocce e della luce in perfetto equilibrio tra natura e architettura.
San Vittore alle Chiuse. La sua storia inizia nel 1007, quando queste terre si trovavano ai confini nord-orientali dell’antico ducato di Spoleto.
Da qui per secoli diversi ordini monastici hanno esercitato un grande potere spirituale e temporale sull'ampio territorio circostante.

San Lorenzo in Campo

Alle radici della civiltà-San Lorenzo in Campo

Trovarsi davanti all'abbazia di San Lorenzo in Campo è come tornare alle radici della storia europea.
Se si potesse riavvolgere il filo che unisce questa chiesa, i monaci benedettini che l'hanno costruita e il paese che ha originato, si tornerebbe al VII-IX secolo.
Il momento in cui incomincia la storia secolare di una delle testimonianze più belle e imponenti dell'arte romanica nelle Marche.

Abbazia di Fonteavellana

Alle radici della civiltà- Abbazia di Fonte Avellana

Fonteavellana è uno dei monasteri più importanti e significativi del territorio marchigiano. Si trova sul monte Catria, in località Serra Sant'abbondio. Considerato uno dei più celebri centri monastici dell'Italia centrale, è uno splendido esempio di romanico, lo stile che ha contrassegnato l'anno mille, quando un nuovo fervore edilizio ha attraversato l'Europa. La sua storia, ricca di cultura e spiritualità, inizia nel IX secolo d.c. interno al 980.

Abazia di Santa Croce dei Conti

Alle radici della civiltà-Abazia di Santa Croce dei Conti

Percorrendo il territorio marchigiano lungo il percorso tracciato dai complessi monastici sorti lungo le vie di pellegrinaggio, l'Abazia di Santa Croce dei Conti è una delle più rappresentative. Dopo tanti secoli il suo messaggio è ancora potente. Il muto racconto di un passato pieno di fervore religioso. E' un luogo religioso, ma anche uno degli esempi più importanti di architettura romanica.