|

San Marino >  Elezioni >  Elezioni 2016 >  Programmi  >  Democrazia in movimento

Democrazia in movimento

PREMESSA
Democrazia in Movimento è il nome che hanno scelto il Movimento R.E.T.E. e il Movimento Democratico San Marino Insieme per la loro coalizione elettorale. Dobbiamo lasciare un passato fatto di scelte politiche sbagliate, che hanno compromesso l’immagine del paese, la sua credibilità internazionale e la sua sovranità ed intraprendere un percorso, uniti, con un presente di idee e progetti con cui formare l’energia necessaria per portare il paese verso un futuro di opportunità nell’ottica del rispetto intergenerazionale.
C’è un modello di sviluppo da rifondare su basi lungimiranti, c’è da far rifiorire il benessere sociale che ha caratterizzato per anni la qualità della nostra vita, c’è una ricchezza da distribuire in modo equo, ci sono valori identitari che caratterizzano l’unicità del nostro Stato. Questi ultimi sono strumenti formidabili di cui solo San Marino dispone e che devono fungere da volano per la rinascita del paese.

Ora servono persone che possano liberare il nostro paese dalla visione verticistica della politica e dalla gestione privatistica della cosa pubblica che ha caratterizzato per troppi anni le nostre istituzioni.
Queste persone siamo noi: un noi grande quanto una comunità che può e deve partecipare alle scelte che attendono il nostro paese.
Tutti dobbiamo contribuire a dare una spinta democratica al paese, per favorire il cambiamento. Un viaggio senza paura per le difficoltà a cui andremo incontro, spinti dalla bellezza della Repubblica di San Marino, dai valori morali espressi dai suoi cittadini in tanti momenti della storia del nostro paese.

1. UN MODELLO SI SVILUPPO PROSPERO E PULITO (LAVORO, ECONOMIA, FINANZA)

La fase storica che San Marino sta vivendo è cruciale. La profonda crisi che caratterizza il nostro paese appartiene ad una gestione che va definitivamente superata e va vissuta come un’opportunità per ricollocare il modello di sviluppo della nostra amata Repubblica su nuove fondamenta. Abbiamo imparato che avere un unico settore trainante di tutta l’economia, come sino a ieri la finanza, significa che se quel settore va in crisi trascina con sé l’intero sistema. Lavoriamo per garantire prosperità attraverso un modello di sviluppo predisposto ai cambiamenti, diversificato, che punti alla qualità, all’innovazione, alla compatibilità territoriale, alle attività di supporto alle imprese.

LAVORO
Obiettivi: un lavoro che investa in ricerca e innovazione, che attraversi la produzione, che trasformi i beni in servizi, che liberi le risorse esistenti.

Programmazione delle professionalità richieste
Occorre puntare sulla formazione delle professionalità richieste nell’imminente futuro, in base ai pensionamenti previsti nel prossimo quinquennio. Individuando sin da subito i settori strategici e le caratteristiche delle aziende su cui punterà San Marino, sarà possibile formare le figure professionali necessarie.

Liberare le risorse
Le attuali risorse investite in ammortizzatori sociali vanno tradotte in lavoro necessario al nostro paese e su cui lo Stato può e deve investire.
1. Eliminazione delle barriere architettoniche
2. Sviluppo delle infrastrutture tecnologiche
3. Riqualificazione architettonica ed energetica degli edifici
4. Separazione della rete fognaria
5. Realizzazione di sottopassi stradali e percorsi ciclopedonali
6.rendere la Repubblica maggiormente autonoma dal punto di vista dell’approvigionamento idrico, energetico e della gestione dei rifiuti.
7. Estensione dei servizi di cura alla persona
8. Miglioramento dei servizi turistici di accesso e accoglienza.

Migliori condizioni per le aziende, migliori condizioni di lavoro
1. Ipersemplificazione delle norme connesse alle attività economiche, che consenta agli investitori di pianificare a monte con ragionevole certezza la propria attività.
2. Graduatorie dell’ufficio di collocamento pubblicate on-line ed aggiornate, salvaguardando la privacy degli iscritti.
3. Semplificazione delle figure contrattuali esistenti, favorendo le ditte che prediligono il contratto a tempo indeterminato attraverso una riformulazione degli incentivi progressivamente crescente nel tempo e alle ditte che, operando in settori avanzati e strategici, promuovono la formazione di personale sammarinese anche attraverso l’affiancamento con personale forense altamente specializzato.
4. Eliminazione dei co.co.pro e delle agenzie interinali.
5. Eliminazione assunzioni nominative per chi offre lavoro non particolarmente qualificato.
6. Favorire le aziende che pubblicano il bilancio sociale; istituzionalizzare momenti in cui condividere (al pari della formazione continua) gli obiettivi aziendali con i lavoratori; sgravi fiscali alle aziende che dedicano tempo e risorse alla formazione continua del personale con corsi interni e/o presso istituti riconosciuti.
7. Riduzione della forbice esistente tra pubblico e privato, elevando le condizioni di quest’ultimo con gli strumenti di tutela previsti in questo programma, ed agendo sulle indennità dei dipendenti pubblici.
8. Nella scelta di indirizzare con più appropriatezza incentivi e defiscalizzazioni, occorre rendere vantaggioso per le aziende il part time, ad esempio favorendo la concessione degli appalti alle ditte che assumano personale sammarinese.
9. Occorre creare meccanismi di sostegno alle attività avviate da ex-lavoratori disoccupati e rafforzare il part time imprenditoriale.

Stabilizzare l’occupazione
attraverso l’immediato ripristino degli interventi capaci di facilitare:
1. l’ingresso nel mondo del lavoro a inoccupati di primo impiego;
2. l’occupazione di ultracinquantenni;
3. disoccupati di lungo periodo, donne disoccupate, lavoratrici potenziali madri;
4. lo sviluppo del telelavoro da casa anche come strumento di aiuto alle famiglie con bambini.

Politiche di aumento dei consumi interni
per creare occupazione occorre agire sulle cause (diminuzione dei consumi-diminuzione dei ricavi per le imprese-diminuzione degli occupati) e non sulle conseguenze (diminuendo il costo del lavoro). Occorre favorire l’attrazione di utenti dal circondario ed il consumo interno da parte dei sammarinesi, utilizzando la SMAC (non più fiscale) come strumento di attrazione turistica, per iniziative promozionali a rotazione nei castelli e per politiche commerciali mirate su panieri di prodotti. Sperimentazione dell’affiancamento del circuito SMAC ad una moneta complementare interna finalizzata all’aumento delle transazioni in Repubblica.

ECONOMIA
Obiettivi:
1. identificare settori compatibili e strategici per la nostra realtà, che creino valore aggiunto per il territorio, a cui indirizzare sgravi e sostegni, comprendendo tra questi la possibilità di affiancamento al personale sammarinese di figure forensi altamente specializzate.
2. fare di San Marino un punto di riferimento, agli occhi gli altri paesi, nella sperimentazione di progetti economici alternativi.

Infrastrutture e servizi all’avanguardia
per rilanciare le attività esistenti ed essere attrattivi per investitori esteri, occorre:
1. velocità e copertura capillare della connessione (rete in fibra ottica di proprietà statale);
2. impegnarsi a realizzare accordi per la circolazione delle merci (superamento del T2) e dei servizi verso l’estero recependo, qualora sia necessario, alcune normative di riferimento;
3. spedizioni postali competitive;
4. pianificazione territoriale delle aree da riconvertire, a condizioni favorevoli, destinabili a progetti economici strategici.

Lungimiranza vuol dire efficacia
Individuare attraverso una griglia di criteri i settori strategici per la Repubblica, capaci di creare posti di lavoro nell’immediato ed indotto e risparmio delle spese per lo Stato a medio termine, significa scegliere di indirizzare sussidi e sgravi, formazione e ricerca, con maggiore compatibilità alla nostra realtà. In tal modo si favorisce un ricollocamento sul mercato di quei settori o singole aziende non più competitivi. Ecco alcuni esempi di settori strategici.

Settori avanzati: come la ricerca applicata, gestione dei dati, attività di supporto alle imprese (sviluppando figure come il data scientist, capace di unire competenze trasversali in statistica, matematica ed informatica); sistemi di qualità; attività multimediali; marketing; stampa 3D; manufatturiero digitale; ricerca medica; biotecnologie associate alle cellule staminali; ecc.
Settori che spingano l’elevata compatibilità ambientale oppure finalizzati a risolvere problemi locali: efficientazione degli edifici; vulnerabilità sismica; telecomunicazioni; progettazione industriale finalizzata alla riduzione dei consumi; nanotecnologie; trashware; sismica; smaltimento amianto; forme di co-working; trasporto sostenibile; agroecologia; ecc.
Ipersemplificazione normativa e trasparenza
Per superare la contrattazione e l’improvvisazione di condizioni su misura tra segretari di stato e investitori, in concorrenza sleale e incertezza delle regole, occorre promuovere il rapporto con l’amministrazione pubblica come unico interlocutore, che fornisca risposte immediate, esaustive, certe nonché adeguati orari di lavoro e di apertura al pubblico. Per facilitare questo percorso occorre:
1. predisporre testi unici normativi. Creare lo sportello unico on-line delle imprese anche in inglese con indicazione dei settori strategici per San Marino e degli aggiornamenti sulle norme fiscali, contributive, ecc.
2. a fronte dell’ipersemplificazione e della sburocratizzazione si devono inasprire i controlli e le pene per chi trasgredisce le regole.

Digitalizzazione e marketing territoriale
La digitalizzazione rappresenta una leva necessaria per lo sviluppo socio-economico del paese, un’opportunità su cui indirizzare i precorsi formativi a favore dell’occupazione, dell’innovazione, della semplificazione e della fruizione di servizi pubblici.
Pianificare una strategia di marketing efficace a cura delle istituzioni è fondamentale per promuovere il territorio: oltre ad una efficace pianificazione degli eventi, occorre realizzare indagini di mercato, verificare le necessità delle imprese, i settori economici in via di sviluppo, coinvolgendo il corpo diplomatico e le comunità dei sammarinesi all’estero.

Riforma della legge sulle società
A fronte dell’ipersemplificazione delle norme e digitalizzazione, occorre una piena trasparenza affinché il nostro paese venga riconosciuto come interlocutore credibile evitando a monte fenomeni distorsivi. Si propone:
1. l’abolizione delle società a socio unico;
2.ogni società dovrà essere controllata da un sindaco/collegio revisore con responsabilità civile in caso di irregolarità;
3.in situazione di liquidazione coatta, si estenderanno le azioni di responsabilità riconducibili al proprio operato, agli amministratori in carica negli anni;
4. adottare sistemi di recupero dei crediti vantati dagli operatori attraverso la segnalazione e l’interessamento degli uffici preposti al rilascio delle licenze;
5. prevedere un accantonamento degli utili in un fondo indisponibile da potere liberare successivamente ai soci.

Internazionalizzazione delle imprese sammarinesi strategiche
La Camera di Commercio (CC) tornerà a finanziarsi tramite il contributo sulla base della percentuale delle tasse di licenza o patenti di esercizio di attività sammarinesi. In tal modo riceverà finanziamenti maggiori se sarà capace di favorire uno sviluppo del sistema e l’avvio di nuove attività.
Si intende implementare presso la CC, sia per le imprese esistenti che per quelle in fase di avvio, servizi quali:
1. costruzione e gestione di reti di vendita preposte all’esportazione del Made in San Marino (filiere con le comunità all’estero); contratti di rete per le imprese con comunione di scopo; servizi per la competitività (ad es. sito web istituzionale in lingua, organizzazione di show room o di invii di campionature all’estero, ecc.).

2. corsi di formazione, in collaborazione con associazioni di categoria, per canali di vendita oltreconfine (produzione di materiale tecnico-commerciale in lingua, attività pre e post fiere, mercati sul web, marketing e comunicazione aziendale, mini siti di prodotto, ecc.).

Integrazione dell’Università con l’impresa
1. Far collaborare l’Università e le imprese (altrimenti impossibilitate ad investire in ricerca) per sviluppare spin off attraverso una revisione e semplificazione della funzionalità patrimoniale dell’Università che permetta di indirizzare le risorse a progetti mirati di innovazione. Implementare / specializzare la nostra Università in settori capaci di aver un impatto strategico per l’economia del nostro territorio (diritti intellettuali, riprogettazione industriale, sanità, ecc.).
2. Consolidare le relazioni dell’ateneo sammarinese con università di paesi terzi in espansione in cerca di know how e con disponibilità di fondi europei permetterebbe di creare una cooperazione economicamente rilevante, con scambio reciproco di studenti e docenti tale da generare un impatto sul settore immobiliare in crisi e da adeguare alle loro esigenze.
3.Favorire la nascita di attività di servizi in grado di intercettare gli interessi del target giovanile, tra il centro storico di Borgo Maggiore e quello di Città.

Gestione dei rifiuti
L’obiettivo è attuare la Strategia Rifiuti Zero. Le attuali risorse (oltre 2 milioni di euro) investite nello smaltimento fuori confine vanno tradotte in creazione di posti di lavoro e riconversione dell’impiantistica produttiva delle aziende. Pianificazione pluriennale che abbia come priorità:

trasparenza totale dei dati (con sistema informativo aggiornato ed accessibile);
minimizzare lo smaltimento (verso lo zero) e ridurre la quantità dei rifiuti;
potenziare la ricerca (riprogettazione industriale).
Con-arte, il consorzio degli artigiani
Favorire esperienze di co-working da parte di imprese artigiane che potendo lavorare fianco a fianco in spazi comuni, attraverso il recupero di capannoni vuoti, possano ridurre al minimo i costi comuni o di trasferimento/inizio attività e dei costi, permettendo loro di organizzare open week con invito di realtà limitrofe del territorio. Creare esperienze di trasferimento tecnologico tra tirocinanti universitari e piccole imprese artigiane che faticano ad innovarsi, ad esempio, nella web economy. Valorizzare il ruolo strategico delle comunità dei cittadini sammarinesi all’estero per la promozione e vendita (appositamente regolamentata) di prodotti di origine e tipicità sammarinesi.

Patto territoriale con i comuni limitrofi
Creazione di un rapporto costante e costruttivo con i territori e le amministrazioni pubbliche continue, su progetti condivisi e accordi per la risoluzione di problematiche che coinvolgono i nostri territori.
Creazione di un sistema territoriale “Sistema 5 Valli – Marecchia – Ausa – Conca – Foglia – Uso” per pianificare collaborazioni turistiche, sociali, di viabilità, ambientali, di trattamento dei rifiuti.
Gli alberghi diffusi, all’interno del patto territoriale di cui sopra, sono una tipologia di turismo la cui base strutturale è rappresentata dal recupero di case vuote nei centri ed edifici rurali in ottica B&B ed agriturismo. Questa soluzione esalta la componente sinergica del turismo che coinvolge componenti di eccellenza nelle opere murarie, nella domotica, nei servizi logistici e telematici.

Politiche per creare un nostro bacino turistico
Con l’obiettivo di sviluppare indirizzi turistici strategici, sarà necessario coordinare tra loro gli operatori, collaborando con tour operator e siti specializzati per costruire pacchetti turistici che prevedano almeno una notte a San Marino. Ecco le strategie:

Potenziare la rete WIFI gratuita nel centro storico, con potenziamento di applicazioni turistiche che tengano costantemente informati i turisti delle attività presenti a San Marino.
Potenziamento della card turistica esistente, che dà diritto a sconti sull’entrata a musei, parcheggi, ristoranti e negozi, integrandola nel circuito SMAC scontistica. Allargare i suoi vantaggi alle attrazioni delle zone limitrofe trovando collaborazioni che promuovano reciprocamente i territori.
Inserire San Marino all’interno di un circuito di siti Unesco con caratteristiche affini.
Stimolare l’offerta prevedendo agevolazioni mirate per l’apertura di attività di ristorazione e locali di intrattenimento nel centro storico di Borgo Maggiore. Un piano di micro-interventi connessi alla ristrutturazione delle “cantine” di Borgo, sarà un volano per piccole aziende edili, finalizzato all’apertura di nuove attività (calmierando i costi di affitto dei locali per agevolarne la ristrutturazione).
La riscoperta dei nostri sentieri e dei percorsi turistico-religiosi, archeologici, naturalistici legati al trekking e al cicloturismo, o ancora storici (ad es. CIVIA , il sentiero dell’ambra che univa il nord Europa a Roma passando per San Marino) aggiungerebbero un’offerta diversificata e destagionalizzata.
Fare di San Marino il primo paese al mondo OGM free e totalmente biologico, realizzando percorsi enogastronomici di valore internazionale. Favorire la commercializzazione di prodotti locali made in San Marino di qualità nei circuiti ristorativi interni (menù con prodotti tipici locali, visita alle vigne e alla vinicola, corsi enologici, ecc.) e all’estero tramite collaborazioni con la camera di commercio e le comunità di sammarinesi all’estero.
Eliminare le barriere architettoniche e munire i parcheggi del centro storico di mezzi elettrici a noleggio per permettere a persone diversamente abili di accedere al centro.
Potenziare i servizi pubblici a partire dai trasporti, servizi igienici e aree di sosta attrezzate, punti nursery e punti informativi dislocati, disponibilità di carrozzine elettriche, ecc.
Riduzione del traffico nel centro storico di San Marino attraverso l’installazione di dissuasori nei punti di ingresso
Valorizzare l’identità statuale di San Marino per attrarre sul territorio assise internazionali sulle tematiche relative ai settori strategici indicati in questo programma, utilizzando le strutture già presenti da riconvertire nell’ottica di favorire scambi culturali.
Gas naturale e altri approvvigionamenti da fonti estere
Viene ristabilito che l’AASS è l’unico ente abilitato a commerciare e importare dall’estero il metano, l’acqua e l’energia elettrica.

FINANZA
obiettivi:
1.massima tutela dei risparmiatori (in modo particolare sammarinesi) e dell’interesse pubblico
2.salvaguardia del Fondo pensione
3.fermezza nel perseguire i responsabili del dissesto
A partire dai primi anni Duemila, nonostante la comunità internazionale avesse già iniziato a mandare segnali evidenti di contrasto ai regimi fiscali dannosi e al riciclaggio di denaro, San Marino impostò il proprio modello di sviluppo su di una piazza finanziaria caratterizzata da opacità e segretezza.
La scelta – scellerata e per giunta tardiva – fu il risultato di una triplice volontà estranea all’interesse collettivo: i governanti sfruttarono l’illusione creatasi per lucrare indebitamente sulla vendita dei “nulla osta” di banche e finanziarie; il potere economico locale deviò verso la finanza per inseguire facili prospettive di guadagno; i banchieri storici assecondarono la deriva così da ottenere la giustificazione a investire sul mercato italiano (vicenda Delta e non solo).
Dopo un brevissimo periodo di caotica floridezza, a partire dal 2008, la piazza finanziaria ha fatto sì che San Marino venisse sottoposto a dure misure di embargo: oltre ai danni subiti dall’intera economia e alla caduta di prestigio della Repubblica, sono da imputarsi alla stessa: il disastro urbanistico, l’esaurimento del settore edilizio, il blocco del mercato immobiliare, le infiltrazioni malavitose e la compromissione del Fondo pensioni, ultima risorsa finanziaria in capo alla collettività; non ultimo, il probabile aggravassi dello stato occupazionale a causa dell’eventuale licenziamento di centinaia di impiegati di banca che sembrerebbe prospettarsi.
La conseguenza più preoccupante, però, riguarda la presenza nei bilanci delle banche dei cosiddetti crediti deteriorati (NPL), ovvero prestiti che non sono rimborsati perché concessi a clienti agevolati e dotati di particolari protezioni, in assenza di regole e garanzie.
La loro entità è tale da mettere in pericolo le finanze dell’intero Paese.

Le responsabilità: chi ha sbagliato deve pagare
Il prezzo degli errori, dell’imprudenza, della superficialità e della disonestà di alcuni non può e non deve essere scaricato sulla collettività. Proprietà delle banche, management e grandi debitori: sono questi i soggetti chiamati a pagare. Ecco come:

Verifica degli attivi (asset quality review) rafforzata.
La ricognizione sui bilanci delle banche non può limitarsi ad una misurazione contabile, ma deve far emergere le eventuali responsabilità penali e amministrative. Il processo deve svolgersi nella trasparenza più totale e nella condivisione democratica. A tal proposito si dovrà istituire una commissione speciale, costituita da esperti contabili selezionati secondo criteri di assoluta terzietà e da rappresentanti delle forze politica presenti in Consiglio Grande e Generale, sotto la supervisione della Vigilanza di BCSM. La verifica dovrà essere condotta in modo omogeneo e dovrà definire il livello di insolvenza dei creditori in rapporto alle garanzie fornite. Tutte le posizioni che dovessero essere segnate da elementi di corruttela o di conflitto di interesse, dovranno essere segnalate all’autorità giudiziaria ed essere oggetto di pubblicazione.

Azioni di responsabilità.
Occorre estendere il tempo massimo per l’esercizio delle azioni di responsabilità da due a dieci anni e rivedere la lacunosa normativa in merito.

Class action.
A maggior tutela giuridica dei risparmiatori va introdotta nella legislazione sammarinese questo tipo di azione legale.

Trasparenza interna.
Va fatta rispettare la normativa che vieta la partecipazione di fiduciarie estere e società anonime al capitale delle banche, e rendere pubbliche tutte le quote azionarie. Inoltre si deve prevedere l’obbligo di verifica da parte di BCSM sui titolari effettivi, i cui nominativi devono essere pubblici.

Riformare Banca centrale (BCSM).
I sistemi finanziari sono composti da controllati e controllori. I dissesti sono sempre il risultato di una corresponsabilità. BCSM, pur offrendo una più alta dimensione statuale al Paese, si è contraddistinta per una gestione inefficiente, improduttiva e molto costosa. Per tutte queste ragioni dovrà essere oggetto di una profonda riforma.

Contenere il danno: misure a protezione del sistema
Il dissesto finanziario non è stabilizzato. I rischi di una spoliazione organizzata sono alti. Dunque, è urgente procedere al più presto all’applicazione delle misure di contenimento del danno.
1.Messa a regime della Centrale Rischi.
La Centrale rischi è uno strumento basilare per analizzare la qualità dei debitori e la loro esposizione sul sistema interno e internazionale, nonché un presupposto per il memorandum d’intesa con Banca d’Italia. La sua entrata in funzione permetterebbe di tracciare la platea esatta dei debitori, che nella stragrande maggioranza dei casi sono rappresentati da politici, uomini d’affari, costruttori e dagli stessi banchieri (che si finanziano gli uni con gli altri in modo incrociato).

2.Riformulare lo strumento del credito d’imposta.
Lo strumento del credito d’imposta è stato utilizzato dal governo in maniera impropria e deve essere riformulato secondo le seguenti indicazioni: impedire la conversione del credito d’imposta in un credito di altro tipo, inserire un limite temporale per il suo utilizzo, escludere i contributi previdenziali e il sostituto d’imposta dalla compensazione, definire una modalità di calcolo vagliata da Banca centrale e una modalità di controllo diretta sull’andamento delle attività e delle passività, prevedere l’obbligo di informativa periodica da parte di Banca centrale alla Commissione Finanze.

3.Altre misure.
Banca Centrale deve ridefinire le procedure di rilascio del credito e di gestione del rischio, e fissare dei requisiti più stringenti di professionalità e onorabilità del management e delle proprietà delle banche. Sempre in ordine ai crediti deteriorati si deve inoltre procedere ad un adeguamento normativo generale per aumentare ed accelerare la capacità di recupero da parte dei soggetti preposti.

Principi cardine per affrontare il disseto finanziario
1.La possibilità che i crediti deteriorati danneggino in maniera pesante il patrimonio delle banche è reale. La soluzione d’intervento più seria potrà essere prodotta solo attraverso l’acquisizione dei dati fin qui celati e lo svolgersi di un dibattito libero e aperto. Quel che è certo è che non potrà limitarsi all’applicazione tecnica di una sigla (bad bank, bail-in o bail-out), ma dovrà corrispondere ad un principio di giustizia così riassumibile: massima tutela dei risparmiatori (in modo particolare sammarinesi), dell’interesse pubblico, salvaguardia del Fondo pensione, fermezza nel perseguire i responsabili del dissesto.
2.L’eventuale apertura di una linea di credito a sostegno del sistema Paese, non potrà essere reperita sul mercato, ma solo e soltanto presso istituzioni finanziarie sovrastatali (come, per esempio, la Cassa depositi e prestiti o la Banca europea per gli investimenti), onde evitare di perdere quote importanti di sovranità nei confronti di un privato e di creare un monopolio finanziario, il quale potrebbe tradursi anche in un monopolio politico.

I Cittadini prima di tutto: garantire la funzione sociale del credito
Il credito è un ponte fra i bisogni e il loro soddisfacimento, fra le idee e la loro realizzazione, fra il presente e il futuro. Non si può assolutamente rischiare che il dissesto finanziario impedisca a famiglie e imprese di accedere al credito.
A garanzia di questa primaria funzione sociale deve essere costituita una banca pubblica di sistema. Gli interventi massicci di patrimonializzazione svolti dallo Stato in favore di Cassa di risparmio, individuano in questo istituito il soggetto più idoneo a svolgere tale ruolo. La proprietà di Cassa di risparmio dovrà essere totalmente pubblica, tolta una certa percentuale che potrà essere frazionata fra i piccoli risparmiatori sammarinesi. Per contro, la gestione dovrà essere di tipo manageriale (benché prudenziale), ovvero lontana dalle ingerenze della politica e dalle sue logiche spartitorie.
Il neo istituto dovrà agire come agente per lo sviluppo del territorio, come generatore di posti di lavoro e ricchezza ed offrire un canale privilegiato di accesso al credito a tutte quelle iniziative economiche che si prefiggano di concorrere al miglioramento della qualità della vita di tutti e di ciascuno, come, per esempio, la cura della persona, la realizzazione di infrastrutture, la manutenzione in ambito pubblico, l’incremento del turismo, la valorizzazione dei beni culturali.

Sviluppo: negoziare un ruolo forte del sistema finanziario sammarinese
Qualsiasi tentativo di rilancio del sistema finanziario non può che passare attraverso un quadro giuridico stabile a livello internazionale. Senza un negoziato franco e trasparente con gli organismi italiani e internazionali sui limiti di autonomia e sul posizionamento del sistema sammarinese, qualsiasi progetto di sviluppo è precluso. A tale scopo devono essere attivati al più presto i memorandum d’intesa con BCE e Banca d’Italia.
Sarebbe poi importante rinegoziare i contenuti dell’accordo monetario del 7 agosto 2012 n.120, il quale obbliga gli istituti sammarinesi a un carico di adempimenti non proporzionati ad un piccolo Stato, e al contempo intraprendere un percorso di adesione al protocollo chiamato Basilea III, al fine di agevolare una maggiore interconnessione fra il sistema sammarinese e i sistemi internazionali.
Infine, il sistema sammarinese potrebbe porsi come modello definendo una separazione tra le banche d’affari e le banche commerciali, anticipando così il dibattito presente a livello internazionale su quella che molti analisti considerano una delle ragioni primarie della crisi finanziaria globale.

2. FACCIAMO RIFIORIRE L’ISS E LA SCUOLA (SANITA’, PENSIONI, QUALITA’ DELLA VITA, SCUOLA)

Per garantire la sicurezza ed benessere alla popolazione, soprattutto nelle fasi e nelle condizioni più delicate della vita (costituzione di una famiglia, formazione, anzianità, prevenzione, malattia e condizioni di inabilità).

SANITA’
Obiettivo: ripristinare la matrice pubblica della sanità, pianificando un sistema sostenibile che parli di appropriatezza delle cure anziché di livelli minimi di assistenza, che garantisca un corretto accesso riducendo o addirittura eliminando le liste di attesa.

Spendere bene, curare meglio
La sanità non è una spesa ma un investimento: l’obiettivo non deve essere il budget, ma attraverso il budget occorre rispondere alle esigenze della popolazione.
1. Destinare alla sanità e al sistema sociale risorse di bilancio che attualmente vengono sprecate (ad es:raddoppio del finanziamento ai partiti) ed eliminare gli sprechi, le corruttele e le distorsioni esistenti nel settore sanitario.
2. Sottoporre l’ISS alla legge sugli appalti come il resto della PA: stop alla licitazione privata; bandi pubblici e controllo dei beneficiari delle aziende private per eliminare ogni potenziale conflitto di interesse; pianificazione e controllo nell’acquisto di nuove strumentazione.
3. Istituire procedure codificate tra gli Uffici amministrativi al fine di favorire un’adeguata collaborazione tra gli stessi.
4. Il personale politico della Segreteria di Stato alla sanità deve essere dimensionato alle reali necessità e regolato in base al raggiungimento degli obiettivi.

Dai bisogni della cittadinanza ad una sanità equa
I dati del Piano Sanitario indicano le esigenze della popolazione a cui il nostro sistema sanitario deve dare risposta tramite la prevenzione e tramite diagnosi efficaci e precoci.
Le elevate incidenze di specifici indicatori che emergono dal Piano Sanitario, ci indirizzano ad intervenire,in particolare, su:

problemi cardio-circolatori, attraverso l’alimentazione

neoplasie, attraverso l’attenzione al territorio

malattie riconducibili all’attività lavorativa, garantendo maggiore salute e sicurezza sul posto di lavoro.

Riorganizzare partendo dalle esigenze dei sammarinesi
Partendo da dati certi in merito alle tipologie e la quantità delle prestazioni erogate dal nostro sistema occorre focalizzare sulle maggiori esigenze a cui il nostro Ospedale deve dare risposta, suddividendo in:
1-interventi programmabili
2-interventi non programmabili (urgenze)
3-diagnosi
4-degenze

Il nostro ospedale deve specializzarsi negli interventi d’urgenza (non programmabili), nelle diagnosi e nelle degenze. Per gli interventi programmabili, occorre procedere all’accreditamento di quelli strategici per la nostra realtà, per rispondere a tutte le esigenze della popolazione sammarinese e fungere da punto di riferimento per il circondario; per gli interventi non strategici (a bassa incidenza) occorre garantire l’eccellenza dei servizi o attraverso accordi con le migliori realtà del circondario, oppure programmando interventi in territorio presso la struttura pubblica con professionisti dei policlinici universitari italiani in affiancamento al personale sanitario sammarinese.

Fidelizzare i medici ospedalieri garantendo loro una prospettiva
Una parte molto significativa del personale medico e non medico ha un rapporto di tipo temporaneo con la PA: questo genera incertezza, precariato, improvvisazione.
I contratti temporanei e le convenzioni discrezionali verranno sostituiti da contratti organici che riconducano i medici ad un rapporto esclusivo con la pubblica amministrazione, che inquadrino tutele e obblighi, con accesso al ruolo tramite apposito concorso, anno di prova e avanzamento di carriera per merito e non per anzianità: questo risulta un determinante elemento di fidelizzazione dei medici al sistema, che elimina alla fonte le disparità di trattamento ed evita fughe delle competenze.

Una formazione strategica
1. Per favorire la casistica ed aumentare e mantenere le competenze, occorre rendere la formazione continua obbligatoria anche a San Marino, anche attraverso convenzioni con i policlinici universitari italiani, con equipollenza nel riconoscimento dei crediti e utilizzando a tale scopo l’apposito fondo già previsto a bilancio.
2. Occorre realizzare una mappatura delle professionalità che servono all’ISS (calcolando il fabbisogno, i futuri pensionamenti, ecc.) per indirizzare l’Università di San Marino con percorsi dedicati a rami specifici interessanti per la nostra realtà (statistica clinica, medicina alternativa, fisioterapia, pediatria, ecc.).

Utilizzo appropriato dei farmaci
E’ possibile evitare tagli sui farmaci e scongiurare l’introduzione di ticket promuovendo un utilizzo razionale degli stessi da parte di tutti i medici. Sarà utile inoltre favorire l’utilizzo dei farmaci generici equivalenti, nonché potenziare e pubblicizzare la farmacia internazionale.

Sanità digitale
Occorre abbattere le barriere tra le informazioni con l’utilizzo di strumenti digitali. Sarebbe strategico creare per ogni cittadino al momento della nascita una cartella clinica digitale integrata tra i diversi reparti, la creazione di statistiche a scopo informativo basate sui principali indicatori demografici (come speranza di vita, mortalità infantile, etc.) e di geomedicina (i luoghi come qualità della vita) ed infine l’analisi immediata tramite un unico sistema dell’anamnesi dei pazienti, ovunque essi si trovino.


PENSIONI
Obiettivi:
1. garantire il patto sociale tra le generazioni.
2. mantenere il sistema previdenziale come elemento di appetibilità non solo per noi stessi ma anche rispetto all’esterno.
3. questo non toglie che il sistema presenti ad oggi evidenti squilibri: è tuttavia indubbio che la migliore riforma delle pensioni è rappresentata dal miglioramento del tasso di occupazione, che in questi anni è calato al di sotto di qualsiasi ragionevole aspettativa.

Ricambio generazionale formativo
Rispetto a figure professionali qualificate, favorire l’applicazione di un ricambio generazionale che crei all’interno delle aziende una sostituzione progressiva. Questo vantaggio permetterebbe all’ impresa di proiettare sul nuovo occupato, l’esperienza e la competenza qualificata del predecessore.
Riducendo il lavoro a colui che è in procinto di andare in pensione si rende più dolce per il pensionato l’uscita dall’ambito lavorativo, che abbiamo visto essere un passaggio con un impatto in alcuni casi difficile da accettare. Affiancandogli nel contempo un giovane sostituto si creano nuove competenze e nel contempo occupazione giovanile e formazione di nuovo personale. L’azienda da parte sua, riceverebbe un aiuto concreto sull’occupazione del giovane, ed un modesto aiuto su colui che andrà in pensione.

Controlli ed obbligo di dichiarazione della pensione
1. Nonostante si sia tenuti a dichiarare eventuali altre pensioni riscosse, anche all’estero, spesso ciò non viene fatto. Sarà quindi utile a questo scopo l’accorpamento dei due uffici pensioni attualmente esistenti.
2. Stabilire provvedimenti atti a garantire il processo di accertamento della regolarità contributiva. Occorre anche garantire l’efficacia dei processi di accertamento per la disoccupazione e per le quote capitarie.

Politiche redistributive
Allo scopo di evitare distorsioni (ad esempio nei rapporti di lavoro tra parenti) e di aumentare le risorse contributive per i fondi Indennità economiche e assegni famigliari, occorre fare in modo che tutte le categorie debbano, con modalità graduali, pagare tutti i fondi. I maggiori introiti sono finalizzati, in base ai criteri indicati con l’ISEE, a coloro che ne hanno maggiore necessità.

Interventi di solidarietà intergenerazionale
Nonostante non siano interventi che possano incidere in modo sostanziale sul bilancio pensionistico, sarebbe un segnale importante di solidarietà intergenerazionale intervenire per togliere l’abbattimento fiscale sulle pensioni d’oro.
Per gli stessi obiettivi espressi sopra si potrà valutare un aggravio del calcolo sulla la tredicesima mensilità, nonché ripristinare gli equilibri contributi/assegno pensionistico per evitare la presenza di pensioni superiori alla retribuzione percepita durante l’età lavorativa.

Misure di tenuta del sistema pensionistico
Qualora le politiche occupazionali non sortiscano gli effetti sperati ed in caso di ulteriori difficolta del sistema pensionistico occorre individuare anche misure emergenziali che favoriscano la tenuta del sistema pensionistico attraverso una revisione dei meccanismi fiscali il cui gettito deve essere riversato nei rispettivi fondi pensione per i futuri assicurati.

Gestione dei fondi
Va esteso il principio, già previsto per il secondo pilastro (Fondiss), di finalizzare l’investimento dei fondi pensione allo sviluppo economico/sociale del territorio.
Occorre in ogni caso creare le condizioni per una gestione che sia trasparente, oculata, controllata e realmente redditizia per i contribuenti.
Con l’ultimo Referendum sul Fondiss si è scongiurata la possibilità di demandare a soggetti esterni (terzi) il controllo e la valutazione dei risultati conseguiti dalla gestione finanziaria delle risorse. Confermiamo questo principio per evitare di perdere ogni controllo sui rischi.
Si propone la creazione di una struttura accentrata, che si occupi una gestire le risorse versate dai contribuenti in modo trasparente, oculato, ben controllato e redditizio, per la gestione dei seguenti fondi pubblici:

Fondo Pensione Primo Pilastro

Fondo Pensione Secondo Pilastro (FONDISS)

Fondo Servizi Sociali
Sarà fondamentale ottenere la completa trasparenza di tutti gli investimenti e le compravendite fatte, mantenendo un profilo di basso rischio e criteri prudenziali di sicurezza. Tutti i dati saranno resi accessibili a tutti i cittadini in un’ apposita sezione sul sito dell’ISS.

QUALITA’ DELLA VITA
Obiettivi:
1. rendere i vari sistemi integrati tra loro attuando un collegamento tra politiche sanitarie, sociali, territoriali ed economiche;
2. conseguire la migliore congruenza fra le risorse impiegate e la soddisfazione dei bisogni dei cittadini.

Un paese vivibile al servizio del cittadino
1. Indirizzare gli incentivi per lo sviluppo spingendo in modo deciso sull’elevata compatibilità ambientale di tutti i comparti economici.
2. Organizzare rilievi statistici periodici sulle patologie più presenti in territorio per averne un quadro della diffusione, in collaborazione con i medici di base e le giunte di castello. Creazione e aggiornamento regolare di registri pubblici ISS (ad esempio malattie rare, malformazioni…).
3. Implementare le politiche legate ad una sana alimentazione (ristabilire la funzione preventiva dell’ambulatorio dietologico), istituendo diete biologiche per tutti i contesti di ristorazione collettiva. Per favorire la produzione di cibo di qualità, i contributi all’agricoltura verranno vincolati a favore delle produzioni che evitano l’uso di pesticidi e di colture OGM.
4. Favorire occasioni per lo sport e l’esercizio fisico, anche attraverso la valorizzazione dei sentieri esistenti oppure la creazione di aree ciclo-pedonali di collegamento tra i castelli.
5. Migliorare la viabilità: restituire alle piazze il ruolo di luogo di aggregazione di persone e non parcheggi per le auto; messa in sicurezza della superstrada, attraverso un adeguato piano di viabilità, attraversamenti pedonali sopraelevati o sotterranei e divieto di parcheggio sulle banchine, ecc.

ISEE: un faro per indirizzare le politiche sociali
Occorre immediatamente istituire l’indicatore economico dei nuclei famigliari: senza questo strumento ogni ragionamento sulle politiche sociali
rischia di essere iniquo. É indispensabile per valutare la ricchezza (economica e patrimoniale) delle famiglie, permettendo di indirizzare le risorse laddove ce n’è veramente bisogno, evitando gli effetti distorsivi sinora registrati.

L’indicatore dovrà richiedere e considerare anche:

dichiarazione di mandati fiduciari propri o di parenti, comprese le fondazioni

dichiarazione dei redditi reali, prendendo a riferimento nelle politiche il salario medio territoriale

indicatori patrimoniali

Occorre stabilire pesanti sanzioni in caso di false dichiarazioni.

Ulteriori sostegni al reddito
Qualora le politiche di disoccupazione e sviluppo non fossero sufficienti, sarà utile valutare sul medio periodo forme di garanzia di reddito, come il reddito minimo garantito e il sostegno alla natalità, per assicurare condizioni minime e contrastare la crescente insicurezza che mina la coesione sociale. Tali interventi statali andranno individuati:
1. utilizzando criteri economico patrimoniali corretti, sulla base dei dati emersi con l’ISEE;
2. rivedendo con politiche redistributive gli aiuti che lo Stato dà alle aziende e gli ammortizzatori sociali.
Nel caso del sostegno alla natalità, si tratta di risorse che, elargite alla nascita, non potranno essere usati dai genitori ma solo dal giovane finiti gli studi, e unicamente per: avviare attività in Repubblica; tirocini e formazione anche all’estero, che siano di pubblica utilità per San Marino; per acquistare immobili.

Mensa come strumento sociale
Revisionando gli attuali accordi contrattuali al sistema delle mense collegate al FSS (Fondo Servizi Sociali), pensiamo di utilizzare il sistema delle mense come punto di ritrovo anche per gli anziani, riorganizzando l’accesso ed il contributo in base ai livelli di reddito che emergeranno con l’ISEE. Sarà possibile coinvolgere le associazioni di volontariato per organizzare un servizio domiciliare degli alimenti della mensa alle persone con problemi di mobilità.

Politiche abitative
1. E’ indispensabile eliminare la discrezionalità del Congresso di Stato nell’assegnazione degli alloggi di edilizia sociale creando apposite graduatorie gestite dall’ufficio competente con la supervisione dell’esistente commissione per la gestione dell’edilizia residenziale. Le graduatorie terranno conto dell’indice di situazione economica equivalente (ISEE) e delle segnalazioni dei servizi sociali.
E’ necessario eliminare il diritto di prelazione dello Stato sulle case che hanno goduto del prestito agevolato e il divieto di vendita fino all’estinzione del mutuo essendo inutili passaggi burocratici.
Occorre favorire l’acquisto della prima casa, specialmente per le giovani coppie, attraverso l’eliminazione dell’imposta di registro per la prima casa, prestiti finanziari adeguati, e politiche utili a calmierare i prezzi delle abitazioni.
2. Saranno promosse politiche di risparmio delle risorse e redistribuite in base al reddito le agevolazioni su ristrutturazioni di immobili per l’abbassamento della vulnerabilità sismica, dei consumi di acqua ed energia, in bioedilizia.

Territorio come patrimonio da valorizzare
Stop al consumo di territorio: distruggerlo significa limitare il potenziale turistico e la nostra vivibilità.
1. E’ necessario redarre un nuovo Piano Regolatore Generale (PRG) e stabilire con chiarezza quali e quante sono le abitazione e gli appartamenti sfitti esistenti in territorio.
Eventuali permessi per la realizzazione di nuovi edifici residenziali verranno rilasciati solo per abitazioni a basso consumo, ad opera e per conto di nuclei familiari singoli, su terreni di proprietà e già edificabili alla data di ratifica del provvedimento che verrà redatto.
2. Verranno introdotte politiche per favorire l’ affitto e vendita degli immobili sfitti, che rendono meno competitivo il paese: per aiutare il rilancio dell’economia stabilire un equo canone per locali industriali, commerciali, e artigianali o ad uso abitativo, introducendo una tassazione progressiva sugli immobili sfitti che escluda le prime due case e gli immobili adibiti a sede lavorativa dell’intestatario. Gli introiti verranno finalizzati ad agevolare nuovi investitori nell’acquisto/affitto di immobili da recuperare.
3. Occorre quindi individuare le aree da destinare a progetti economici, che non prevedano nuovo consumo del territorio e che debbano venir destinate ad investitori agevolandoli nella riconversione e/o ristrutturazione.
4. Rendere obbligatorio il pagamento dell’ultima rata, cosiddetta “di riscatto”, presso i leasing, per far emergere le proprietà di beni mobili e immobili.

Unioni civili
Nei paesi che hanno legalizzato le unioni civili anche per le coppie del medesimo sesso, le istituzioni non sono state lese in alcun modo e la qualità di vita è migliorata grazie a politiche di integrazione. E’ compito della politica influenzare la cultura del paese, istituendo regolamenti chiari parificate le unioni civili tra persone dello stesso sesso con quelle tra persone di sesso diverso, al fine di tutelare – sia sul piano economico che sociale – i diritti di assistenza sanitaria, eredità, immigrazione, e per garantire l’obbligo del vicendevole sostegno economico.

SCUOLA
Obiettivi:
1. formare una società inclusiva capace di pensiero critico, di superare i localismi ed affrontare i problemi in veste di “cittadini del mondo”;
2. garantire a tutti i cittadini il medesimo diritto di accesso alla formazione: è fondamentale che la scuola rimanga un’istituzione pubblica, non orientata al profitto ma alla valorizzazione dei talenti.

Asili nido
I servizi sociali sono indispensabili, e vanno sottratti ai mercati. Gli asili nido devono rimanere pubblici, e lo Stato deve puntare a creare sufficienti posti per i bambini.
Nel frattempo occorre modificare il metodo di contribuzione dello Stato agli asili privati accreditati, elargendoli solo in via straordinaria, garantendo sempre la totale copertura dei bambini nel servizio pubblico.
L’accesso ai posti presso asili nido pubblici dovrà venir regolamentato garantendo priorità di accesso alle famiglie meno abbienti, tramite l’ISEE.

Programmazione
Occorre superare la standardizzazione per valorizzare e far emergere le predisposizioni dei ragazzi facilitando le loro scelte future.
1. Per avere un sistema meno ingessato è opportuno promuovere tagli particolari di insegnamento, corsi aggiuntivi, ampliamento della programmazione per una didattica al passo coi tempi (esempio: lezioni in lingua, educazione civica, economia, scienze applicate, grafica, comunicazione ecc), incentivando attività laboratoriali e una didattica sempre più esperienziale, stimolando lavori di gruppo ed individuali tesi ad affrontare e risolvere i problemi con creatività, responsabilità e spirito di cooperazione. Questo permetterebbe di creare un identità dell’istituto assicurandone l’attrattività sul territorio.
2. L’educazione digitale deve essere tesa a responsabilizzare sull’uso delle tecnologie, favorendone un uso costruttivo di supporto e di sviluppo culturale, contrastando gli effetti distorsivi dovuti ad un uso scorretto.
3.Sostituire l’ora di religione con un insegnamento che approfondisca le religioni attraverso un approccio di carattere antropologico, storico, sociologico e filosofico in grado di stimolare gli alunni di ogni ordine e grado di scuola alla ricerca sul fenomeno religioso affrontato dai più molteplici punti di vista.

Per realizzare quanto sopra si rende necessaria un’adeguata revisione della selezione del personale docente, che va affidata agli uffici della pubblica amministrazione preposti allo scopo.

Equilibrato rapporto numerico nelle classi
Per assicurare ai bambini una migliore assistenza e sicurezza ed un servizio che sia più rispondente alle accresciute esigenze di formazione ed educazione psicopedagogica cui deve assolvere il personale educatore e la scuola nel suo complesso si deve ripristinare il vecchio rapporto numerico educatore-bambino ed in generale evitare classi troppo numerose che ledono il diritto ad una corretta istruzione. Questo permetterà anche di valorizzare il sostegno agli studenti con difficoltà di apprendimento.

Graduatorie
1. Istituire una graduatoria specifica per gli insegnanti di sostegno, alla quale si accede mediante apposita formazione, al fine di garantire la massima professionalità e continuità progettuale.
2. Istituire gli sbarramenti che impediscono ai docenti di vedersi assegnati pacchetti orari su più ordini scolastici creando frammentazione e disfunzionalità.
3.Rivisitare il funzionamento delle graduatorie per evitare di ricorrere a delibere su misura per sanare situazioni discriminanti.

Mezzi scolastici
1. Incentivare l’utilizzo degli appositi autobus da/per la scuola e, dove possibile, facilitare e promuovere il “piedibus” con l’aiuto delle Giunte, di volontari e pensionati.
2. Riconsiderare il posizionamento delle varie fermate dislocate sul territorio secondo criteri di sicurezza.
3. Risolvere l’annosa questione del monopolio del trasporto fuori territorio di alcune linee private, che costringe ad una spesa ingiustificata ed evitabile.

3. CONTI PUBBLICI VIRTUOSI (FISCALITA’, PUBBLICA AMMINISTRAZIONE)

Le risorse pubbliche del bilancio sono un patrimonio comune. La pubblica amministrazione deve essere garante del corretto impiego delle risorse del paese, favorire l’economicità delle imprese attraverso un’azione di contrasto ai fenomeni di burocratizzazione ed inefficienze.

FISCALITA’
Obiettivo: il nostro paese è già fiscalmente attrattivo, ma la stratificazione di decine di norme contraddittorie impedisce agli investitori di comprendere quali condizioni troveranno. Occorre rendere più equa la fiscalità, facendo emergere i redditi sommersi, ed indirizzarla al modello di sviluppo che vogliamo.

Semplificazione
Occorre realizzare prospetti riassuntivi, snelli ed aggiornati di tutte le condizioni fiscali, contributive e relative alle imposte dirette ed indirette per ogni singolo ramo di attività. Questi prospetti saranno promossi attraverso lo sportello unico on-line, inserendo l’individuazione dei settori considerati strategici identificati in questo programma.

No alla SMAC card fiscale, sì alla SMAC card scontistica
1. La SMAC card è stato un ottimo strumento con cui realizzare politiche fiscali di attrazione turistica e di sostegno al reddito interno, ma col tempo è stata svilita attraverso l’uso fiscale. La SMAC deve ritornare strumento di attrazione turistica e aumento dei consumi interni.

2. Proponiamo la certificazione elettronica delle transazioni, con un sistema integrato di casse telematiche in comunicazione con l’Ufficio Tributario che emettano scontrini progressivi. Il costo di tali casse sarà completamente detraibile.

Va reintrodotta una fascia a tassazione forfetaria, per ridurre spese e burocrazia per le piccole attività.

IVA o monofase?
Il recente confronto sull’introduzione del sistema IGC (IVA sammarinese) ha fatto emergere l’inevitabile rincaro per il consumatore finale sia sui prodotti ma soprattutto sui servizi. Questo stato di cose ci induce -a tutela dei cittadini/consumatori sammarinesi, nonché della competitività e della tenuta del sistema commerciale sammarinese- a sostenere l’introduzione dell’IVA per le attività’ economiche che hanno transazioni con l’estero, mantenendo la monofase per il commercio e le attività interne.

Eliminazione del paradosso fiscale
per un rilancio dell’economia artigianale e non solo, intendiamo portare una giustizia fiscale e contributiva che equipari la competitività delle imprese fisiche a quelle di capitali. Questo permetterebbe di stimolare l’impresa fisica che, apportando propri capitali, garantisce maggiore certezza delle entrate tributarie e della ripianificazione dei debiti, dunque capace di apportare ricchezza concreta al sistema pubblico.

PUBBLICA AMMINISTRAZIONE
Obiettivi:
1. Prima di ogni piano di rilancio si devono ottenere risultati efficaci nel favorire la trasparenza e autonomia della pubblica amministrazione, e un’equa distribuzione della ricchezza.
2. Mettere in atto una politica di rigido contenimento delle spese (non intervenendo sui servizi ma attraverso una riorganizzazione e digitalizzazione dei procedimenti amministrativi), significa anche trovare le risorse necessarie per indirizzare lo sviluppo verso un nuovo modello.

Un bilancio a prova di cittadino
1. La Legge di bilancio deve contenere solo materia strettamente connessa al bilancio dello Stato. Non si potranno più modificare norme già esistenti, dagli argomenti più disparati, e quanto approvato non potrà venir modificato se non in assestamento o nei bilanci degli anni successivi. Tale intervento serve a snellire il lavoro sul Bilancio dello Stato e ad evitare la dispersione normativa.
2. Per favorire la trasparenza e leggibilità del bilancio dello Stato, utile non solo all’aula politica ma anche a cittadini, stampa, statistici, studiosi, ecc., è necessario che i dati più sensibili vengano aggregati.

Appalti
1. Le gare d’appalto per opere pubbliche, servizi e forniture o riguardanti la vendita e l’acquisto di qualsiasi proprietà dello Stato, verranno effettuate tramite gare che coinvolgano tutti i fornitori iscritti nel registro delle imprese, anche con aste on-line al rilancio e al rialzo visibili da tutti i concorrenti e aperte a tutta la rete come auditrice.
2. Per evitare le distorsioni esistenti, una migliore pianificazione eviterà il ricorso alla licitazione privata per motivi di urgenza.
3. A condizioni di pari qualità, alle imprese sammarinesi sarà riconosciuto un modesto margine di favore sull’importo dell’appalto rispetto ai fornitori non sammarinesi. L’impresa o il fornitore sammarinese che si aggiudichi un appalto, beneficerà dell’esenzione dalla monofase sul materiale e/o i servizi oggetto dell’appalto stesso.
4. Per garantire che i termini di scadenza stabiliti nei contratti siano rispettati, introdurre l’obbligo della fidejussione per le aziende.

Dirigenti
Il numero di dirigenti in Pubblica Amministrazione va ridotto. Per farlo si deve provvedere ad accorpare unità operative affini, ad eliminare U.O. superflue. La dirigenza va liberata, ove esistano, da legami partitici e da forme interessate di gestione nocive per il funzionamento della PA.
Stabilire che:
1. il dirigente entra solo per concorso, ove vengono valutate le sue capacità, i suoi titoli di studio, la sua esperienza nel settore e un progetto programmatico degli obiettivi del triennio;
2. l’erogazione dello stipendio viene regolato in base al raggiungimento degli obiettivi. Verrà eliminato da subito il vecchio regime. I contratti triennali devono prevedere clausole di salvaguardia a tutela dello Stato.
3. applicazione del principio della responsabilizzazione dei dirigenti pubblici. In caso di inadempienze o infrazioni dei sottoposti anche il dirigente dovrà venir richiamato, affinché svolga la sua funzione di controllo. Andranno previste sanzioni o provvedimenti disciplinari a seconda della gravità dell’infrazione commessa.

Ottimizzazione PA
1. Stop ad assunzioni tramite delibera del Congresso di Stato; valutare formazione interna del personale prima di assumerne e/o incaricarne altro. Vanno attivati i profili di ruolo.

2. In PA si entra per concorsi attivati entro sei mesi dal momento in cui divenga vacante un ruolo da ricoprire. I concorsi devono essere pubblici e pubblicizzati adeguatamente, devono tener conto dei titoli di studio, dell’esperienza già maturata in tale ruolo, e della situazione reddituale e familiare del singolo candidato, il quale deve essere valutato da una commissione di esperti del settore tale da garantire l’indipendenza dalla politica.

3. Nei sei mesi di vacanza del ruolo è ammesso ricoprire lo stesso (in attesa del concorso) tramite interpello interno oppure tramite assunzione dalle graduatorie.

4. Non saranno più effettuate stabilizzazioni, entro sei mesi dovrà essere ammesso bando di concorso pubblico per i posti vacanti. Passato questo termine il posto sarà eliminato. I posti temporanei, come le sostituzioni per gravidanza o malattie lunghe cesseranno quando il titolare del posto rientrerà al lavoro.

è escluso dalla possibilità di venir stabilizzato chi presta servizio, sotto qualsiasi forma, nella Pubblica Amministrazione, ma non sia stato assunto dalle graduatorie.

5. I dipendenti pubblici possono venir trasferiti, in assenza di interpelli e/o di concorsi pubblici o interni, solo a seguito di inabilità certificate. Viene vietato ogni trasferimento “ad personam” (pratica che concede ai dirigenti inappropriati poteri di selezione del personale).

6. Anche in caso di spostamento ad altra mansione, i dipendenti riceveranno lo stipendio relativo alla mansione effettivamente svolta.

7. Occorre aumentare controlli e sanzioni sui doppi lavori dei pubblici dipendenti.

Strutture e infrastrutture statali: per un rilancio del settore edile
Lo Stato possiede immobili inutilizzati, ma nel contempo spende somme ingenti in affitti di uffici pubblici presso stabili di privati e affitta locali di privati per destinarli come abitazione di famiglie in difficoltà. Si propone di:

1. Istituire bandi per assegnare in uso abitativo a privati le proprietà immobiliari dello Stato nei nuclei storici, inserendo una clausola secondo cui la ristrutturazione è a carico del privato, ma la proprietà rimane del pubblico senza possibilità di venir rivenduta o passata di proprietà.

2. Riconvertire capannoni industriali inutilizzati da adibire a locali, musei, centri d’arte.

3. Avviare un piano di ristrutturazione delle proprietà immobiliari dello Stato, teso a rilanciare nell’immediato il mercato edile ed il suo indotto e, nel medio periodo, a ricollocare in strutture pubbliche gli uffici attualmente in affitto presso stabili di privati.

Rapporti con le società ed enti a partecipazione statale
1. Lo Stato deve avere un controllo capillare sulle società partecipate, e deve poter dare indicazioni di massima vincolanti a tutela della propria partecipazione. Occorre una trasparenza totale dei dati, una rendicontazione puntuale delle attività svolte, su cui va messa a conoscenza la cittadinanza.
2. Avviare un’indagine amministrativa attraverso la quale verificare se siano stati adempiuti regolarmente gli obblighi previsti in fase di assegnazione degli appalti di fornitura e servizi presso PA e aziende partecipate dallo Stato.

4. DARE VALORE A CIO’ CHE SIAMO (ISTITUZIONI, RELAZIONI INTERNAZIONALI, DIRITTO)

In un’ottica di sviluppo culturale e democratico del paese è importante che le massime istituzioni dello Stato, attraverso il loro operato di buona condotta ed esempio di probità, stimolino la partecipazione del cittadino a seguire il lavoro istituzionale. Il ruolo del cittadino non termina dopo una tornata elettorale, il suo apporto deve essere continuo e motivato al miglioramento del funzionamento dell’intero sistema paese e deve essere informato dalle istituzioni di tutti gli strumenti a sua disposizione per perseguire un obiettivo di trasparenza istituzionale.

ISTITUZIONI
Obiettivi:
1. superare l’autoreferenzialità del Congresso di Stato favorendo un approccio più dialogante con la popolazione;
2. efficienza dei lavori consiliari.

Separazione tra indirizzo politico e funzioni amministrative
1.Occorre definire meglio e far rispettare gli spazi di competenza tra Congresso di Stato (che ora agisce in totale segretezza), dirigenza, commissioni.
Attualmente il Congresso di Stato concentra in sé troppi poteri (rilascio e revoca di licenze, assunzioni nominative in PA, nomine dirigenziali e diplomatiche, consulenze, finanziamenti ad eventi ed associazioni, sanatorie su abusi e spese…) e si occupa di questioni puramente amministrative. Ciò crea distorsioni, discrezionalità ed inefficienze.
Va eliminata la disponibilità di spesa in mano ai Segretari di Stato per fermare il potere discrezionale e concessorio. La politica deve creare le condizioni e dare gli indirizzi, mentre delle spese e delle questioni amministrative se ne devono occupare gli uffici preposti, che ne hanno disponibilità e responsabilità.
2.La Reggenza, ora indicata dalla sola maggioranza, deve essere sempre di garanzia.

Voto digitale
Introduzione di un sistema digitale per associare il voto all’impronta digitale che permetterà la rilevazione puntuale della presenza dei consiglieri in Aula, la verifica del numero legale dopo ogni votazione, e il calcolo reale dei gettoni di presenza attualmente calcolato in maniera approssimativa.

Riduzione delle spese correnti
Alcune spese non prioritarie possono essere tradotte negli interventi più urgenti presenti in questo programma: eliminazione del raddoppiamento del finanziamento ai partiti in occasione delle elezioni; razionalizzazione delle spese diplomatiche; riduzione drastica delle spese per convenzioni, contratti, consulenze.

Revisione delle commissioni
Le decine di commissioni a nomina politica vanno rivedute e snellite, affinché non si sovrappongano alle competenze già in capo alla pubblica amministrazione. Viene eliminato il principio di segretezza delle deliberazioni delle commissioni, pur mantenendo la privacy laddove la delicatezza delle comunicazioni non permetta la pubblicazione.

Giunte di Castello autorevoli e indipendenti
1. Per rilanciarne l’autorevolezza e il potenziale di controllo dell’operato dei governi sui territori, è necessario delegare le decisioni di spettanza del Castello alle Giunte, liberando da tali incombenze il Congresso di Stato e il Consiglio Grande e Generale, garantendo alle stesse Giunte una copertura adeguata per gli interventi predisposti.
2. Creazione di un sito internet unico per tutte le Giunte, per raccogliere su un’unica piattaforma eventi e attività dei Castelli e per realizzare uno sportello virtuale in cui gli abitanti possano segnalare problematiche, interventi da realizzare, porre domande.

Tornate elettorali
Per abbattere i costi previsti per le tornate elettorali (elezioni politiche, amministrative e referendum) verrà introdotta la votazione telematica, utilizzando apposito programma di gestione del voto già usato in numerosi altri Stati.
Per cittadini esteri dal paese di residenza con possibilità di preferenze ma con limitazione del numero di consiglieri votati da loro (seggio estero). Revisione del sistema di coalizioni pre-elettorali, aprendo alla possibilità di un apparentamento, tra il primo e secondo turno in caso di ricorso al ballottaggio, tra liste e/o coalizioni.
Prevedere referendum confermativi da sottoporre alla popolazione residente nei casi di provvedimenti che implichino: impatto ecologico (politiche energetiche, smaltimento dei rifiuti, ecc.), impatto elettromagnetico (installazione di nuove antenne, ecc.), concessioni edilizie.
Ad esprimere il proprio voto ai referendum e alle elezioni delle giunte di castello saranno ammessi anche i/le residenti da almeno cinque anni consecutivi.

RELAZIONI INTERNAZIONALI
Obiettivo: promuovere la Repubblica di San Marino per comprendere ai propri interlocutori le specificità di uno Stato delle nostre dimensioni, creando le condizioni per essere un punto di riferimento da rispettare

Promuovere la nostra sovranità e neutralità
La visibilità internazionale deve essere promotrice di sviluppo economico nel paese.
Fare di San Marino una sede permanente per un organismo internazionale ufficiale che valorizzi la tradizione di neutralità della nostra Repubblica. Il nostro Stato si presta a discutere delle trattative internazionali (a titolo di esempio: arbitrati internazionali).
Creare le condizioni per fare di San Marino, sempre in virtù della sua millenaria tradizione di neutralità, la sede diplomatica internazionale per la discussione di politiche di tutela dei paesi dell’Europa del mediterraneo.

Il ruolo dell’apparato diplomatico nell’economia del paese
1. Intendiamo creare una rete internazionale di relazioni che facilitino le nostre importazioni ed esportazioni e siano garanzia di un’accurata ed incisiva politica estera incentivando e coinvolgendo il nostro importante apparato diplomatico affinché diventi il collante tra i vari paesi ed l’amministrazione preposta, senza il filtro delle Segreterie.

2. Eliminare la figura dell’ambasciatore a disposizione, non riconosciuta dal diritto internazionale.

Accordo di associazione con l’unione europea
San Marino deve recepire ogni normativa europea in ambito di contrasto al riciclaggio, alla corruzione, ed ogni altro atto che ci renda adempienti sotto l’aspetto della verificabilità dei processi democratici.
In breve dovremo garantire:

1. automatismi di ricezione per norme di contrasto al riciclaggio e reati finanziari;

2. automatismi di ricezione di norme di contrasto alla corruzione, con speciale attenzione alle persone politicamente esposte;

3. verificabilità della trasparenza nell’operato delle istituzioni politiche;

4. adeguamento agli standard europei per le merci e i servizi in fase di esportazione.

A fronte di questo dobbiamo pretendere:

1. accesso alle quattro libertà (ad esempio stop ad ogni complicazione per l’esportazione delle nostre merci in UE), con limitazione significativa della circolazione delle persone in ingresso;

2. revisione dell’accordo monetario per quanto riguarda la possibilità di emettere moneta;

3. tutela della produzione agroalimentare locale, valore aggiunto di ogni proposta turistica. Libertà di bandire gli OGM e puntare ad essere il primo stato completamente biologico;

4. in nome della nostra millenaria storia di indipendenza politica, non accettazione di trattati che limitino l’autonomia del nostro Consiglio Grande e Generale alle direttive della UE (no Maastricht, no Lisbona, no TTIP, ecc.).

GIUSTIZIA
Obiettivo: un nuovo quadro legale del diritto deve rappresentare un volano attrattivo per imprese e capitali internazionali.

Indipendenza del tribunale
I nuovi magistrati dovranno venir nominati attraverso bandi di concorso pubblici.
La giuria di tali concorsi, per garantire l’indipendenza dalla politica, sarà composta da giudici sammarinesi e di procure italiane scelti dal Consiglio Grande e Generale, con votazione qualificata, su una rosa di nomi indicati dal tribunale.

Interventi urgenti in materia di sicurezza
1. Realizzare la Centrale unica delle forze di Polizia in funzione del riordino dei Corpi;
2. Potenziare il servizio di videosorveglianza sia nelle zone di confine sia all’interno del territorio con riconoscimento della targa;
3. Realizzare programmi mirati di formazione del personale, da effettuarsi anche tramite accordi di interscambio con le omologhe forze di Polizia italiane;
4. Rimodernare il Codice di Procedura Penale;
5. Rafforzare il Nucleo Antifrode e il Nucleo Interforze, ovvero le risorse di Polizia Giudiziaria che svolgono e devono aumentare le proprie indagini finanziarie, coordinandosi con i Giudici Inquirenti;
6. Realizzare una sezione antimafia presso il nostro tribunale e presso la Polizia Giudiziaria e che operi in stretta collaborazione con l’equivalente unità operativa italiana.

Reati concorsuali e aggiornamento registri persone giuridiche
Ad oggi è spesso richiesta una procedura concorsuale per l’estinzione di persone giuridiche inattive, comportando costi per lo Stato e oneri per il tribunale. È necessario aggiornare i registri delle persone giuridiche e realizzare forme automatiche di estinzione.

Inasprimento delle pene per evasori
La bassa tassazione pretende totale chiarezza. I reati fiscali devono venir riconosciuti dall’intera cittadinanza come quelli più odiosi, perché di riflesso colpiscono la comunità. Si tratta di un’operazione culturale, che passa anche attraverso strumenti di repressione più al passo con i tempi.

Sospensioni cautelari
Chiunque ricopra un incarico pubblico, elettivo, a nomina politica, in enti partecipati dallo Stato o in enti e società private il cui sostentamento è garantito da interventi (diretti o indiretti) dello Stato, verrà immediatamente e automaticamente sospeso cautelativamente da ogni incarico nel caso in cui venga rinviato a giudizio per reati che hanno leso lo Stato.

Riti abbreviati e premiali
Possibilità per il Giudice Inquirente, su richiesta dell’imputato che ammetta la sua responsabilità, di pronunciare condanna ad una pena ridotta (stabilita dalla legge), qualora l’imputato non abbia pendenze civili. Tale intervento è utile per snellire i procedimenti e evitare agli imputati il dibattimento, velocizzando al contempo il pagamento dei danni e l’esecuzione delle confische.

Legge giusto processo (93/2008)
Rivedere i termini di deposito che oggi prevedono 1/3 del tempo di prescrizione del reato più grave (articolo 6 della legge n. 93 del 2008) e che nel 2015 hanno comportato la dichiarazione di nullità per n. 8 rinvii a giudizio.

Prescrizioni
Eliminazione della prescrizione per reati e misfatti che ledono gli interessi della cittadinanza e/o le istituzioni e l’immagine dello Stato (corruzione, truffe ai danni dello Stato ecc). In alternativa ampliamento delle tempistiche di prescrizione e avvio dei termini dal momento in cui il reato viene contestato dalla magistratura e non più dal momento in cui esso è stato commesso.

Osservatorio Antimafia Sammarinese (OAS)
Proponiamo di realizzare un Osservatorio Antimafia Sammarinese che riunisca annualmente, in concomitanza con la giornata della legalità, le associazioni emiliano-romagnole impegnate sul tema delle infiltrazioni malavitose nel nostro territorio, fornendo loro uno snodo logistico al momento inesistente.
L’obiettivo è fare di San Marino un riferimento regionale nella lotta alle mafie, raccogliendo e integrando tutti i report stilati in regione e prevedendo pubblicazioni annuali, formazione e informazione nelle scuole.