|

Sport >  Basket >  2019 >  Notizia

Milano passeggia sulla VL Pesaro: 111-74

Milano-Pesaro @vlpesaro
Biancorossi sempre sotto e travolti nei quarti centrali.

L'attuale abisso tra Milano e Venezia - prima e seconda - viene scontato in toto dalla VL Pesaro, leone in casa con la Reyer – nonostante il ko - e inerme agnellino sul campo di un'Olimpia a mezza rosa. I biancorossi incassano l'ennesima sconfitta a tre cifre – 111-74 – in una partita che in realtà non c'è mai stata: la capolista ne mette subito 5, al 5° è già sul 18-4 e nei periodi centrali innesca il turbo, salutando entrambe le sirene intermedie sul +31.

Nel quarto la forbice sale fino a 44, prima dell'assestamento finale a +37. A tamponare sono le rotazioni selvagge dell'Olimpia – col classe 2002 De Capitani che trova il primo canestro in A – e le folate personali dei tre pesaresi in doppia cifra. Ossia Blackmon – 12 punti – ma soprattutto il sempre più caldo Murray e McCree, che ne fanno rispettivamente 20 e 18 con 7 rimbalzi cadauno. Sul fronte Milano mancano James e Kuzminskas – oltre agli infortunati Tarczewski e Gudaitis – ma Nunnally, stavolta in campo in maniera regolare, basta e avanza. Nel primo, decisivo quarto l'ex Fenerbahce domina e si porta a quota 16, chiudendo a 25. Il resto della gloria va alle seconde linee da campionato: Della Valle sfiora la doppia doppia con 17 punti e 9 assist, Fontecchio ne segna 18 e Burns fa 12+9 rimbalzi.

Pesaro riesce a far la voce grossa solo nel rimbalzo offensivo – 17-6 – ma affonda nel computo dall'arco: 19/36 per Milano – un 52,8% da record stagionale – 5/18 per la VL. VL che, in classifica, viene agganciata da Torino – vincente su Sassari con 102 punti segnanti – ma mantiene un successo di vantaggio sulla coppia di ultime Pistoia-Reggio Emilia.

RM