|

Sport >  Calcio Samm. >  2013 >  Notizia

Tre Penne Capitale del calcio sammarinese

Tre Penne Capitale del calcio sammarinese
Dopo 13 anni dall'entrata in Europa dei club sammarinesi, arriva la prima storica vittoria in Champions League

Il digiuno si interrompe in una calda notte di inizio luglio. Il Tre Penne sfonda il muro dell'Europa e stringe la mano alla storia, sarà per sempre il club che ha centrato la prima vittoria in Champions League. Non interessa a nessuno che il goal che porta il Tre Penne alle stelle, è un autentico harakiri di tale Samuel Kyere che dopo appena 3 minuti realizza il più classico degli autogoal. Il capolavoro della società Tre Penne è a posteriori. I dirigenti che ne fanno parte, vivono di calcio, si nutrono di calcio e hanno capito più di tanti altri cosa significa la parola programmazione, soprattutto se applicata ad un piccolo club. Un risultato del genere, per una squadra di San Marino, non si ottiene da “Natale a Santo Stefano” ma arriva grazie ad un lavoro a monte che passa prima di tutto attraverso un gruppo, senza retorica, un gruppo vero.
Tre Penne, difende i colori della “capitale” della Repubblica, è il primo club ad infilare 4 gettoni nelle competizioni europee; Tre Penne è il primo club a vincere in Champions League. Non è un caso: la società si sostiene su tre pilastri imprescindibili, programmazione, serietà e attaccamento ai colori sociali. Il Tre Penne è campione sammarinese, e con quel gruppo senza ritocchi centra la prima vittoria in Champions League. Ci sono due storie da raccontare. La prima. Il portiere Federico Valentini, con tre parate decisive permette alla sua squadra di vivere un sogno, quel sogno che lui stesso sta vivendo dopo essere diventato papà solo poche ore fa. La seconda. Luca Nanni, classica bandiera del Tre Penne, decide di dare l'addio al calcio naturalmente con addosso la maglia del suo castello di origine, lui in particolare, ma anche tutti i suoi compagni di squadra hanno fermato l'orologio alle 22.55 di martedì 9 luglio 2013, data e ora che resteranno per sempre indelebili nella storia del calcio sammarinese.

Lorenzo Giardi

Intervista al presidente Fabrizio Selva