|

Sport >  Calcio >  2014 >  Notizia

Champions League: la vigilia di Juventus-Atletico

Champions League: la vigilia di Juventus-Atletico.
Per i bianconeri di Allegri due risultati su tre a disposizione per agganciare il treno degli ottavi dopo l'amarezza di Istanbul l'anno passato. Una vittoria con due o più reti di scarto garantirebbe anche il primo posto, dell'Atletico in ogni altro caso.

Ora non si scherza più: a Vinovo si prepara la vigilia della partita più importante dell'anno, che vedrà la Juventus fronteggiare l'Atletico Madrid a Torino, con due risultati su tre per agguantare la qualificazione agli ottavi di finale che manca da due anni ormai.
Anche allora una sfida decisiva allo Stadium: dal Chelsea ai Colchoneros, che passano come primi nel girone A anche se sconfitti di misura. Una vittoria juventina più ampia spedirebbe invece gli uomini di Allegri nell'urna privilegiata. Una sconfitta – invece – equivarrebbe, sulla carta, all'eliminazione. Pare scontata infatti la vittoria contemporanea dell'Olympiacos in casa sul Malmoe, nonostante una vittoria ospite schiuderebbe le porte dei sedicesimi di Europa League per gli svedesi.
In casa Juve si va verso il ritorno alla difesa a quattro, con il rientrante Lichtsteiner a presidiare la fascia di destra, con Bonucci e Chiellini tra lui e Padoin, favorito su Evra per ricoprire il ruolo di terzino sinistro. Il rebus a centrocampo parrebbe spingere in panchina Pereyra a favore di Pogba, Pirlo e Marchisio. Dovrebbe infine essere Vidal l'anello di congiunzione tra i reparti di centrocampo e attacco, dove uno scalpitante Morata farà coppia con Carlitos Tevez.
Nel gruppo B si gioca per il secondo posto alle spalle del Real Madrid e per l'Europa League, con tutto ancora da definire: al Basilea basta un punto per accedere agli ottavi, ma ottenerlo ad Anfield sarà tutto tranne che facile. Tagliato fuori il Ludogorets che difficilmente salverà la pelle dal Bernabeu, figuriamoci coltivare ambizioni di vittoria a Madrid.
Solo il Leverkusen è sicuro degli ottavi nel gruppo C, grazie allo scontro diretto tra Monaco e Zenit che mette in palio un posto tra le migliori sedici d'Europa. Si tratta infine solo di definire le gerarchie nel girone D, dove il Borussia comanda con due punti e la differenza reti nettamente a favore nei confronti dell'Arsenal, di scena ad Istanbul contro il Galatasaray, fuori da tutto.

LP