|

Sport >  Calcio >  2018 >  Notizia

Funerali Astori: “Un capitano c'è solo un capitano”. Il saluto di Firenze

I funerali di Astori
Oltre 10 mila persone hanno abbracciato per l'ultima volta Davide Astori. Tutto il calcio presente ai funerali

Firenze abbraccia il suo capitano. Una folla di oltre 10 mila persone ha invaso la piazza sottostante alla Basilica di Santa Croce. Piccolo cenno di ringraziamento della famiglia. Il feretro accompagnato dalle squadre giovanili della Fiorentina. Silenzio assordante e applausi scroscianti, quando arriva la Fiorentina. C'è tutto il calcio con i vertici politici e sportivi. Uno dei primi ad arrivare è stato il suo ex compagno di squadra Federico Bernaderschi. Poi una delegazione della Juventus appena arrivata da Londra. Rappresentanza di tutte le squadre di Serie A, B e C. C'è l'Inter, guidata dal Vice Presidente Zanetti. La Roma con Francesco Totti, Daniele De Rossi, Stephan El-Shaarawy. Il Sassuolo con Alessandro Matri, il Livorno con Igor Protti. Uno dei momenti più toccanti, il passaggio davanti allo Stadio Franchi. C'è chi getta un fiore, c'è chi tocca l'auto come a cercare un contatto con il Capitano Viola. Volti stravolti dal dolore, increduli, sconcertati da una fine così inattesa così prematura. L'audio diffonde all'esterno della Basilica le parole del centrocampista viola Milan Badelj scelto come portavoce della squadra “ Tu sei luce per tutti noi”. L'Arcivescovo di Firenze Giuseppe Betori nella sua omelia riconosce Davide Astori "come un fiorentino, da sempre e per sempre", parlando di un ragazzo che ha saputo unire “famiglia, squadra, mondo dello sport, tutta una città. Queste virtù noi riconosciamo in Davide - ha aggiunto - e per questo lo salutiamo in questo luogo". L'uscita della bara avvolta dalla “nebbia viola” è accompagnata da un tripudio di bandiere. La folla ha intonato l'inno della Fiorentina . A seguire il coro da brividi:"C'è solo un capitano". Astori sarà poi sepolto nel cimitero di San Pellegrino Terme

L.G