|

Sport >  Motori >  2017 >  Notizia

1000Miglia 2017: Oltre 400 auto storiche hanno sfilato sulle stradine del Centro Storico di San Marino

1000Miglia 2017: Oltre 400 auto storiche hanno sfilato sulle stradine del Centro Storico di San Marino
Tra i big Joe Bastianich e Toto Wolff. Assenti le regine del piccolo schermo Cristina Chiabotto e Diletta Leotta

Sole, finalmente, dopo diverse edizioni bagnate, entusiasmo numerosissimi bambini delle scuole, istituzioni sammarinesi con la Reggenza accompagnata dai Segretari di Stato.

Contorno ottimale, sotto palazzo pubblico, per godere della sfilata più bella del mondo: vetture che hanno fatto la storia dell'automobilismo. E' un equipaggio russo ad attraversare per primo il tappeto verde srotolato sul pianello, altro dettaglio per risaltare ancora di più la bellezza delle vecchie signore.

L'OM del 1929 numero 8, alle 11.45 apre la passerella più nota e affascinante che c'è: la Mille Miglia. 90 anni dalla prima gara, 1927, e 60 dall'ultima 1957, cifre tonde che impreziosiscono ancora di più, una sfilata che seppur sempre uguale a se stessa non cessa mai di stupire. Alla fine saranno oltre 400 le protagoniste della rievocazione storica delle Freccia Rossa, che si sono arrampicate sulle stradine del Centro Storico della Repubblica di San Marino. O.M, Bentley, Zagato, Bugatti, Mercedes, Alfa Romeo, Aston Martin, Ferrari, Bmw, Porche, Cisitalia, Fiat, Maserati, Jaguard, Triumph, marchi leggendari per una corsa di regolarità più volte vinta dal pluricampione italiano Giuliano Canè.

Piccola delusione per i fotografi appostati per le due regine annunciate: l'ex miss Italia Cristina Chiabotto e la conduttrice di Sky Serie B Diletta Leotta, entrambe assenti.

C'era per il secondo anno consecutivo una delle star di Masterchef Joe Bastianich.

Tra gli addetti ai lavori a bordo di una Mercedes 300 SL W 194 del 1952 Toto Wolff responsabile del coordinamento di tutte le atttività di Mercedes MotorSport.

Dopo circa 3 ore la definitiva chiusura del passaggio a San Marino, definito all'unanimità: irrinunciabile

Lorenzo Giardi