|

Home >  Comunicati  >  2016 >  Notizia

Mularoni a Mosca: "Nessun accordo sui formaggi"

Antonella Mularoni
Il Segretario con delega alla cooperazione economica internazionale si rallegra però per il risultato involontariamente raggiunto.

Leggo con grande sorpresa un articolo pubblicato ieri da una testata locale, che afferma che al Forum Economico della Comunità di Stati Indipendenti, che ha avuto luogo a Mosca il 18 marzo, si sarebbe parlato “dei formaggi e dei salumi provenienti da San Marino”.
Basta guardare su internet per capire di cosa si è parlato a Mosca in quel forum, evento prestigioso che ha luogo ogni anno e che approfondisce temi economici di particolare importanza per gli 11 Stati, Paesi a suo tempo appartenenti all’Unione Sovietica, facenti capo alla Comunità di Stati Indipendenti.
Quest’anno in particolare la Comunità di Stati Indipendenti celebra il suo 25° anniversario e l’attenzione del Forum era incentrata sulle nuove forme di cooperazione, con un focus sulla materia bancaria e finanziaria e sui progetti innovativi di cooperazione. Il Forum vede la presenza di rappresentanti di Ministeri, di Camere di Commercio, del mondo bancario e finanziario, di imprenditori.
In questo contesto sono stata invitata, in ragione della mia delega alla cooperazione economica internazionale, a presentare il sistema Paese, con particolare riferimento al lavoro che è stato fatto negli ultimi anni dal Governo sammarinese e pubblicizzato in InvestinSanMarino.sm, con il fine di favorire l’attrazione di investimenti, obiettivo primario sottolineato frequentemente da Governo e maggioranza.
Ho registrato un grandissimo interesse, grande simpatia e molta attenzione da parte di tutti i mass-media russi, circostanza di cui possiamo solo rallegrarci.
A latere del Forum ho avuto un proficuo incontro col Vice Ministro degli esteri russo Aleksey Meshkov, ottimo conoscitore del nostro Paese essendo stato in passato Ambasciatore russo in Italia e dunque accreditato anche presso il nostro Paese.
Quanto al fantomatico accordo che avrebbe dovuto essere l’oggetto principale della mia missione a Mosca, lo stesso non esiste né è mai stata all’ordine del giorno la firma da parte mia di alcun accordo, tanto meno di intese finalizzate a permettere o agevolare triangolazioni in danno di altri Paesi.
Se poi la diffusione di una notizia distorta o imprecisa è servita a far conoscere San Marino, con la sua tradizione di pace e neutralità, a moltissimi Russi che non lo conoscevano, a farci guardare con attenzione e simpatia, a registrare numerosissimi contatti via internet di cittadini russi che hanno voluto capire dove e cosa fosse esattamente il nostro Paese e ad avere le agenzie viaggi russe tempestate di richieste di inserire San Marino nei pacchetti vacanza nella penisola italica per la prossima estate, posso solo rallegrarmi del risultato involontariamente raggiunto, ben superiore alle mie migliori aspettative.

Comunicato stampa
Antonella Mularoni
Segretario di Stato al Territorio, Ambiente e alla Cooperazione Economica Internazionale