|

Home >  Cronaca >  2016 >  Notizia

È morto in Congo Padre Marcellino

Padre Marcellino
Si è spento nella Giornata Missionaria

Una vita per l'Africa, per i più poveri, per i bambini. Padre Marcellino si è spento nel luogo che amava di più, il Congo. Se n'è andato all'improvviso, mentre stava facendo quello che amava fare, da sempre: aiutare gli altri. Aveva 86 anni. Era una di quelle persone in cui, per una strana alchimia, l'età anagrafica non corrisponde all'energia fisica. Padre Marcellino aveva forza da vendere, nonostante gli acciacchi, gli attacchi di colite, la malaria. Non amava andare in ospedale, quando si trattava della sua salute c'era sempre troppo da fare, non aveva tempo. Era fatto così, un lavoratore instancabile, che si dava agli altri senza riserve, amato da tutti anche per la sua cocciutaggine. La morte pare lo abbia colto nel sonno, all'alba. Sono notizie che cercano conferma, in queste ore la famiglia e l'associazione Amici di Padre Marcellino stanno cercando informazioni da chi si trova sul posto. La voce ha iniziato a circolare a San Marino sull'onda dei social, tra l'incredulità di tutti. Chi lo conosceva fatica a parlare, ha un nodo in gola. C'è chi sta già organizzando il viaggio per assistere al suo funerale, anche se non si sa quando verrà celebrato. Padre Marcellino rimarrà in Africa, la sua casa. A breve un gruppo di volontari andrà in Congo per far partire l'impianto a pannelli solari che renderà la missione autosufficiente. Un inconveniente aveva ritardato il progetto. Padre Marcellino sognava quel momento, lo attendeva con gioia. Ci sarà. La sua anima è lì. C'è chi ricorda la sua storia: arrivò in Congo nel 1968. Fu un caso, un altro missionario si era ritirato. I suoi compagni non credevano che avrebbe resistito. Era di salute cagionevole. La sua forza la trovava nell'amore. “La mia gioia più grande? - rispose un giorno a chi glielo chiedeva - quando vedo un bimbo, il cui volto s’illumina di sorriso, come risposta al poco che abbia potuto fare per lui”. Un cuore grande che ha scelto di fermarsi proprio nella Giornata Missionaria.

Monica Fabbri

L’associazione Amici di Padre Marcellino si stringe al dolore della famiglia.
Questa mattina il nostro “Leone africano”- scrive - è salito al cielo, nel luogo che più amava, la sua Africa, il suo Congo. Ci lascia in eredità il suo entusiasmo, la sua fede e i suoi progetti che da 48 anni con determinazione e amore ha portato avanti per i più piccoli e i più poveri; ci lascia l’eredità del suo nuovo progetto, appena iniziato, di una nuova scuola per poter accogliere ancora più bambini, perché credeva fermamente che loro, i bambini, sono il futuro. L'associazione dà appuntamento domani sera, alle 20.30, alla Chiesa di Murata per un momento di preghiera.