|

Home >  Cronaca >  2017 >  Notizia

Ferrara: il figlio sedicenne assolda un amico per uccidere i genitori

La villetta del duplice omicidio

Trovata l'arma usata per compiere il duplice omicidio dei genitori nel Ferrarese. Sono stati il figlio sedicenne e l'amico 17enne, che hanno confessato, a portare i carabinieri al luogo dove recuperare l'ascia con cui sono stati massacrati i coniugi
e i vestiti sporchi di sangue dei due adolescenti. Erano in un corso d'acqua a Caprile, frazione adiacente a Pontelangorino, luogo del delitto, dove fino a qualche mese fa la famiglia Vincelli abitava e dove vive il presunto complice, che compirà 18 anni a novembre. Il movente non sarebbe economico, ma dettato dai forti contrasti tra il minorenne e i genitori. L'amico lo avrebbe aiutato per 'vicinanza'. Contestata l'aggravante della premeditazione. Il figlio 16enne avrebbe pagato l'amico fermato con lui per compiere il duplice omicidio. Una indiscrezione, non
confermata nella conferenza stampa in Procura, parlerebbe di un accordo: cento euro subito, mille a delitto compiuto. Il movente del mandante invece non sarebbe ancora chiaro. "Al momento non sembra essere quello economico", ha detto il procuratore della Repubblica di Ferrara, Bruno Chechi.