|

Home >  Politica >  2005 >  Notizia

Consiglio DC: Edda Ceccoli Presidente

E’ il segretario Pier Marino Menicucci ad annunciare l’esito della prima votazione del Consiglio Centrale. Edda Ceccoli diventa Presidente per 30 voti piu’ di Ernesto Benedettini. Il tempo di un applauso dell’assemblea, poi le prime parole: “Spero di essere il presidente di tutti – dice – un ruolo per gestire al meglio il consiglio centrale e dedicare più tempo alle sezioni da cui devono scaturire le scelte per il paese”. Poi un riferimento a Benedettini: “Quando si assumono questi ruoli si sente forte il senso di responsabilità – ammette la Ceccoli – ma e’ duro dover battere altri amici e colleghi”. Benedettini accetta il verdetto: “Continuerò a lavorare più di prima affinché il partito si affermi nel paese”. Da subito potrà farlo in direzione dove e’ stato nominato insieme a Lorenzo Lonfernini, Pasquale Valentini, Sua Eccellenza Cesare Gasperoni, Loris Francini, Sante Canducci, Gian Marco Marcucci, Marco Gatti, Luigi Mazza e Gianfranco Ugolini. Nominato anche il presidente del comitato dei garanti: Liliana Bologna. La prima seduta del Consiglio Centrale post congresso va dunque in archivio con la definizione di tutti gli organismi, anche se sulla presidenza c’e’ da registrare lo scoramento di alcuni membri Dc: quella di Benedettini, nei giorni dell’assise generale, sembrava una elezione annunciata. Che non si sia tradotta nei fatti per qualcuno e’ la rottura di un patto.
Giovedì intanto e’ convocata la prima riunione della direzione che nominerà a sua volta due vice segretari, il direttore del “San Marino” l’organo di stampa e il segretario amministrativo. All’ordine del giorno anche il completamento del consiglio centrale con la nomina di 10 membri ulteriori su proposta della segreteria e l’ analisi delle iniziative politiche per rafforzare il ruolo del partito.