|

Home >  Politica >  2017 >  Notizia

Dopo le ferie la politica torna in aula con la Legge Sviluppo

Consiglio
La prossima sarà una Reggenza "SSD-REPUBBLICA FUTURA". Verso la conferma il Rettore Petrocelli

Per la politica sammarinese, reduce da un periodo di aspra conflittualità, sono giorni di tregua ma già nel prossimo week end si torna in pista con i dibattiti della festa dell'amicizia, a fine mese è atteso il bilancio della cassa di Risparmio e a settembre si torna in aula con la legge sviluppo. Il Pdcs inoltre ha preannunciato due referendum propositivi. Al rientro dalle ferie dunque, tanta carne al fuoco 

Sono giorni di vacanza anche per i politici e la politica sammarinese dopo la tumultuosa seduta consigliare d'agosto, con l'aventino di gran parte dell'opposizione , l'approvazione del decreto sulla conversione del credito d'imposta delle banche e l'assestamento di bilancio con i 200milioni di titoli del debito pubblico. Proprio nell'ultima puntata della trasmissione “Palazzo Pubblico”, intanto, prove di dialogo tra maggioranza e opposizione, per una gestione condivisa di quella che è stata definita la fase 3 per il salvataggio del sistema bancario. Lo si vedrà, già a fine mese, forse, nella riunione della sede di confronto, prevista dal decreto 87. Sempre a fine mese è probabile – come anticipato dal Presidente Nicola Romito – la definizione del bilancio di Cassa di Risparmio, dopo l'assorbimento di Asset, e a settembre – probabilmente - nella settimana che segue il Gran Premio di Moto Gp di San Marino e Riviera di Rimini – appuntamento sportivo clou dell'estate - si tornerà in aula con la seconda lettura della legge sviluppo e probabilmente anche con il provvedimento sulla mobilità sostenibile. C'è da nominare anche la prossima Reggenza, che sarà un binomio “Ssd-Repubblica Futura” e dopo l'indicazione del senato accademico è prevista la conferma di Corrado Petrocelli per un altro mandato quale Rettore dell'Università di San Marino. Il Segretario di Stato alla Sanità Franco Santi, intanto, ha annunciato che entro l'anno potrebbe arrivare in prima lettura la riforma delle pensioni, con l'obiettivo di garantire maggiore equità per le nuove generazioni. Potrebbe essere una riforma strutturale di lungo periodo oppure un intervento piu' limitato. In ogni caso – ha chiarito Santi – sarà concertato con tutte le parti sociali e politiche.

l.s.