|

Home >  Politica >  2017 >  Notizia

OSCE: Nicola Renzi interviene al XXIV Consiglio Ministeriale di Vienna

Nicola Renzi interviene al XXIV Consiglio Ministeriale di Vienna
Migranti, terrorismo, sviluppo sostenibile. Queste alcune delle tematiche toccate dal Segretario di Stato agli Esteri

Un vertice, quello iniziato oggi, nella città sede dell'Organizzazione per la Sicurezza e la Cooperazione in Europa, che vede la partecipazione di alcuni dei protagonisti della scena internazionale, come Rex Tillerson e Sergey Lavrov. Per il Titano – dunque - un'occasione preziosa, per fare sentire la propria voce. Ad accogliere Nicola Renzi, al Palazzo Imperiale di Hofburg, il Presidente OSCE in esercizio - e cancelliere austriaco in pectore - Sebastian Kurz. Poi, dopo la classica foto di gruppo, l'inizio dei lavori. Tra gli interventi, in sessione plenaria, anche quello del Segretario di Stato agli Esteri, che ha innanzitutto ringraziato i vertici dell'organizzazione, per il lavoro svolto in un anno – il 2017 – caratterizzato dal protrarsi di situazioni di conflitto. La risposta – ha sottolineato – non può che essere il dialogo, come sempre sostenuto da San Marino. E poi un tema di strettissima attualità: quello dei migranti. “Da un lato – ha detto Renzi – dobbiamo garantire un adeguato controllo degli arrivi; dall'altro combattere, attraverso informazione ed educazione, manifestazioni di xenofobia e intolleranza”. Ribadito poi l'impegno del Titano, nelle sedi internazionali, per la tutela dei bambini in movimento: troppo spesso vittime di abusi e sfruttamento. Nel suo speech, il segretario di Stato agli Esteri, ha anche affermato l'impegno del Paese contro tutti i tipi di discriminazione; nonché la lotta al terrorismo. In questo senso – ha rimarcato – “priorità assoluta deve essere data alla prevenzione della radicalizzazione dei giovani”. Infine un appello alla cooperazione transazionale, in campo ambientale. A margine della plenaria il Segretario di Stato si è intrattenuto a colloquio con gli omologhi della Federazione Russa e di Malta. E’ seguito anche un breve confronto con il collega Alfano e con il nuovo Ministro degli esteri svizzero, con il quale si è confermata la piena volontà di cooperazione tra Svizzera e San Marino. I lavori del vertice proseguiranno domani