|

Home >  Politica >  2018 >  Notizia

Decreto scuola: insegnanti pronti allo sciopero di martedì 18 settembre, ecco le modalità

Gli insegnanti all'incontro con i sindacati
Lo sciopero sarà aperto a tutti i docenti. I sindacati si aspettano una grande partecipazione.

Sarà uno sciopero a 'scaglioni' quello di martedì 18 settembre. Coinvolgerà tutti gli ordini scolastici e sarà aperto a tutti i docenti. Ieri sera al teatro Concordia l'incontro tra la Csu e i docenti per mettere a punto la mobilitazione.

Le modalità cambieranno in base al tipo di istituto: per scuola dell'infanzia, medie e superiori ogni insegnante sciopererà le prime due ore del suo turno di lavoro. Per le scuole elementari, invece, chi farà il turno di apertura si asterrà dal lavoro le prime due ore e i docenti del turno di chiusura sciopereranno le ultime due ore. I momenti, quindi, cambieranno da insegnante a insegnante.

I docenti si dicono preoccupati di un calo della qualità dell'offerta formativa e parlano anche di tagli alle cattedre. Conseguenza scongiurata, nei giorni scorsi, dal segretario di Stato all'Istruzione, Marco Podeschi, che oggi non ha rilasciato dichiarazioni.

Durante lo sciopero una delegazione salirà sul Pianello per chiedere di incontrare i capigruppo consiliari. In mattinata si è svolto invece un collegio dei docenti della scuola media 'infuocato', come raccontano gli insegnanti, a cui ha partecipato Podeschi e durante il quale, fanno sapere, il Segretario di Stato ha ribadito di voler proseguire con l'iter legislativo.

Mauro Torresi

Nel servizio, le interviste ad Antonio Bacciocchi (Csu) e a Vanessa Muratori (insegnante)